I vip sbarcano in Silicon Valley

Si aprono i portafogli e non solo quelli, le startup diventano famose e dei famosi

Alcuni Vip sono addirittura letteralmente diventati pazzi per le startup nuove di zecca, appena nate e ancora in cerca di investitori.

È sempre più lungo l’elenco dei personaggi famosi che vanno a caccia della statup che diventerà famosa e che sarà in grado di cambiare e migliorare il nostro modo di vivere e guardare il mondo.

LEGGI ANCHE: Startup miliardarie, l’innovazione a nove zeri

Hollywood e le startup dei Vip

Hollywood apre i portafogli e non ci stupisce che i vip abbiano l’occhio lungo nello scovare le novità. L’ultimo ad essere colpito da questa nuova mania è Lance Armstrong, ex ciclista vincitore del Tour de France per ben sette volte, che ha deciso di investire in Mobli, piattaforma social specializzata in foto e video.

L’ex ciclista avrà un canale tutto suo all’interno del quale posterà i filmati dei sui allenamenti.

Il fondatore di Mobli, Moshiko Hogeg, afferma di aver cercato una partnership con Amstrong dopo che quest’ultimo ha raggiunto 1 milione di utenti su twitter. Indubbiamente lo scopo è quello di sfruttare la fama del ciclista al fine di supportare l’azienda nel mercato delle app per cellulare che risulta sempre più difficile da conquistare.
Non dobbiamo dimenticare però che Leonardo di Caprio, già nel lontano 2011, aveva creduto nelle potenzialità di questa startup non solo investendo 4 milioni di dollari, ma anche chiedendo di poter ricoprire il ruolo di consulente per il marketing e le pubbliche relazioni.

 

Lady Gaga è approdata nella Silicon Valley nel 2012 quando investì ben 7,5 milioni di dollari nella startup Turntable.fm, fondata insieme al musicista Kanye West.

Questa permette di condividere musica online ed ha raggiunto in breve tempo 600 mila utenti registrati. Sempre nello stesso anno la cantante più estrosa dei nostri tempi, si è unita agli azionisti di Google.

E come dimenticare il rapido fail di Tidal di Jay-z?

Tra le celebrity più tecnologicamente avanzate vi è Ashton Kutcher, appassionato di tecnologia e di come questa possa migliorare la vita di molte persone. Ha investito in diverse aziende, alcune delle quali purtroppo sono fallite, mentre altre come Skype e Airbnb hanno ripagato egregiamente gli investimenti.

Senza dubbio Skype è stata la miglior intuizione dal momento che, insieme ad altri investitori, è stata rivenduta a Microsoft al costo di 8 miliardi. Gli investimenti dell’attore variano da 50 mila ai 200 mila dollari con un guadagno più che assicurato.

Justin Bierber, nonostante la sua età e i suoi colpi di testa, ha investito nella app Shots, che inizialmente produceva solo video game per smartphone e successivamente si è evoluto in software per scattare selfie e condividerli sui social.

Anche Elton John non si è risparmiato nell’investire i suoi capitali: risulta infatti tra i finanziatori della piattaforma online Globber, che gestisce i trasferimenti e la condivisione di file, nonché l’utilizzo di strumenti dedicati alla produzione musicale.

Anche i vip guardano oltre per cercare nuove prospettive di business nell’innovazione.

Scritto da

Annalisa Mancini

Laureata in Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità, con tesi di laurea in Psicologia della formazione, "La formazione manageriale attraverso il cinema" ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Asi Tsuki .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it