This Girl Can: l'empowerment femminile passa anche dallo sport [VIDEO]

Sport England ha diffuso una campagna motivazionale diventata virale in pochi giorni.

this girl can

Il giudizio è una barriera che può essere abbattuta. Questo il messaggio di “This Girl Can“, campagna lanciata da Sport England per avvicinare più donne alla pratica sportiva. Perché queste esigenza? Da una ricerca commissionata dall’ente nazionale emerge che sarebbero moltissime le inglesi a rinunciare all’attività fisica per paura del giudizio altrui.

Il filmato ha per protagoniste donne di tutte le età, con corpi e forme diversi, che si divertono nel praticare ogni tipo di sport, dalla corsa al nuoto, senza trattenersi né sentirsi in imbarazzo.

this girl can sport england

LEGGI ANCHE: Henna Heals: un tatuaggio all’henné per far sentire più belle le donne con il cancro [INTERVISTA]

this girl can sport

this girl can video

Il mondo sarà certamente pieno di persone così, ma da qui al vederle occupare uno spazio il più delle volte loro negato (quello televisivo e pubblicitario) il passo è tutt’altro che breve.

La responsabile del casting per “This Girl Can” ha scelto le partecipanti cercandole fuori dalle palestre, dai campi da calcio, sulle piste da jogging.

I più grandi brand di sport costruiscono la propria immagine di marca attorno ai valori di autodefinizione, di coraggio, di sfida dei propri limiti: concetti condivisibili e ispiratori che finiscono quasi sempre per essere incarnati ed espressi attraverso la rappresentazione di corpi atletici e allenati. Un approccio totalmente diverso, che si rivelò apprezzato benché discusso, fu quello adottato da Nike con la sua campagna “Find Your Greatness“, che associò una verità umana (i nostri corpi non sono tutti uguali, ma ciò non deve essere considerato un limite) con una verità di prodotto (Nike ha tutto quello che ti serve se vuoi fare attività fisica).

Il video, online da meno di due settimane, ha giù superato i 3 milioni di visualizzazioni e i riscontri sono in maggior parte positivi. Voi cosa ne pensate?

Credits:

Agency: FCB Inferno
Managing director: Sharon Jiggins
Chief creative officer: Al Young
Creative director: Bryn Attewell
Art director: Raymond Chan
Copywriter: Simon Cenamor
Planning director: Vicki Holgate
Senior account director: Hollie Loxley
Producer: Ally Mee
Media company: Carat
Production company: Somesuch & Co
Director: Kim Gehrig
Producer: Lee Groombridge
Editor: Tom Lindsay Trim