I testimonial ultracentenari di una compagnia assicurativa [VIDEO]

I momenti felici non sono esattamente un must degli spot di assicurazioni: Beagle Street inverte la rotta.

compagnia assicurativa

Solo ieri vi abbiamo parlato dell’ultimo spot di Thai Life Insurance, compagnia asiatica che negli ultimi anni ha collezionato virali di successo uno dietro l’altro. Oggi vi proponiamo un video di un’altra compagnia assicurativa, questa volta occidentale: Beagle Street adotta un approccio comunicativo ancora lontano da quello socialmente orientato del brand asiatico, ma allo stesso tempo prende le distanze da una comunicazione eccessivamente razionale che per anni è stata lo standard per la pubblicità di questi servizi.

Protagoniste di “Happy Momentstre coppie di anziani, alcuni dei quali ultracentenari, che condividono con noi le loro storie, i momenti felici di una vita della quale hanno condiviso parecchi decenni. Maurice e Helen Kaye, sposati da 80 anni; Doug e Betty Hale, sposati da 73 anni; e William e Maureen Norman, che lo sono da 60.

beagle street compagnia assicurativa

compagnia assicurativa happy moments

compagnia assicurativa pubblicità

Dal primo incontro al matrimonio, dalla nascita del primo figlio a quella dei nipoti. Questi adorabili testimonial raccontano allo spettatore quali sono i momenti che hanno reso speciale la loro storia e quali sono i segreti della loro lunga vita. O meglio, il segreto: che a quanto pare, questo lo spot suggerisce, sarebbe quello di essere felici.

Dal blog ufficiale di Beagle Street leggiamo:

“Vogliamo che i nostri clienti siano felici. Come mai? Perché è scientificamente provato che le persone felici vivono più a lungo, godono di una qualità di vita migliore e ridono di più.”

Beagle Street ha effettuato un sondaggio tra 1000 cittadini inglesi ultra settantenni sugli stessi temi trattati nel video. Ne risulterebbe che per più del 12% l’avvenimento più gioioso di tutti sia la nascita del primogenito, seguito dal giorno del matrimonio per l’11,5% e quindi l’arrivo dei nipoti per il 10%.

Cosa ne pensate di questo approccio? Lo trovate interessante ed efficace per una compagnia assicurativa?