5 memorabili Digital PR Epic Win

Come si crea una buona campagna di Digital PR? Ecco 5 casi che vi illumineranno.

Federica Fattori

Marketing and Communication Specialist

Nel variegato mondo del marketing quella di intraprendere una campagna di digital PR può essere una decisione vincente quanto catastrofica. Una strategia digitale di successo deve essere concisa e concentrarsi su poche attività chiave per attrarre, coinvolgere e comunicare con i propri clienti, attuali e potenziali.

Dopo avervi proposto la top 5 degli epic fail, ecco il successo di cinque epic win che potranno ispirare la vostra prossima campagna di digital PR.

#1 I tweet tra Manchester-City e AS Roma

Il 30 settembre si è tenuta all’Etihad Stadium la partita di Champions League Manchester City – Roma. Sebbene l’incontro calcistico abbia appassionato i tifosi c’è stato uno scontro ben più interessante a colpi di tweet.

In questo caso le due squadre sono riuscite a far emergere la propria identità mantenendo uno stile ironico, quasi goliardico, tipico delle schermaglie tra tifoserie.

La lezione: ricorda chi sei e a chi ti rivolgi, soprattutto sui social.

#2 Barilla ai mondiali

Quest’anno i mondiali sono stati piuttosto infausti per la nostra nazionale, eppure c’è chi è riuscito, anche in tempi duri, a sfruttare a proprio vantaggio questo evento. Barilla infatti ha diffuso per tutto il periodo della partecipazione della nazionale italiana al mondiale delle  immagini promozionali che raccontavano i diversi momenti della competizione attraverso il prodotto. D’obbligo anche il live twitting delle partite.

L’immagine più efficace forse è stata quella finale della campagna che fa riferimanto a uno dei momenti più clamorosi del mondiale: il morso di Suarez.

La lezione: interagisci in tempo reale.

#3 Kit Kat VS Oreo

Quando Laura Ellen, un’inglese amante del cioccolato, scrisse un tweet in cui dichiarava la sua passione sia per Kit Kat che per i biscotti Oreo non sapeva che avrebbe scatenato un vero e proprio duello tra le due aziende.

Can tell I like chocolate abit too much when I’m following @kitkat and @oreohahahahahah

— LauraEllen (@Laura_ellenxx) March 11, 2013

Due giorni dopo ecco il modo in cui Kit Kat ha lanciato il guanto di sfida alla sua rivale.

 

Oreo ha colto la palla al balzo e ha risposto prontamente e in maniera creativa.

 

La lezione: gioca, l’occasione propizia si presenta solo a chi la sa cogliere. 

#4 La CIA sbarca su Twitter

Il 6 giugno, il giorno del sessantesimo anniversario del D-Day, uno sbarco inaspettato ha colpito l’attenzione di tutto il mondo: quello della CIA su Twitter. Il direttore dell’agenzia di intelligence ha spiegato che fa tutto parte di una strategia di espansione sulle piattaforme social al fine di rapportarsi col pubblico e di fornire informazioni su missioni, storia e altri sviluppi.

Il primo tweet ricalca, intelligentemente diremmo noi, un vero comunicato dell’agenzia. Restando fedele a se stessa la CIA è riuscita a interessare, far sorridere e interagire centinaia di migliaia di americani (ha raggiunto i742.000 follower in pochi mesi)

La lezione: resta fedele a te stesso, ma con un po’ d’ironia.

#5 Chris Hadfield e la vita nello spazio

Vi siete mai chiesti se si può piangere nello spazio? Com’è il cibo per astronauti? E che succede se si prova a strizzare un asciugamano intriso d’acqua a gravità zero? L’astronauta canadese Chris Hadfield ha risposto a tutto questo in un ciclo di video disponibile se YouTube. Il tutto da una location eccezionale: la Stazione Spaziale Internazionale.  Si è creato così un forte legame tra l’astronauta e tutti gli appassionati che seguivano i suoi aggiornamenti. Una bella visibilità per l’Agenzia Spaziale Canadese, cugina meno famosa della NASA, la cui partecipazione alle diverse attività spaziali sulla ISS era rimasta poco nota.

La lezione: raccontare una storia vale più di mille spiegazioni tecniche.

Creatività, tempestività, coerenza sono i punti di forza di queste cinque memorabili campagne di successo. Perché fare Digital PR significa  rispondere, interagire, dialogare in tempo reale. Solo chi osa, nonostante esista il rischio dell’epic fail, riesce a restare nel cuore del proprio pubblico.