WWDC 2014: Apple presenta le novità al keynote, scopriamole insieme!

Dopo l'acquisizione di Beats, attese grandi novità da Cupertino. Andiamo a vedere insieme tutto quello che è stato presentato alla WWDC numero 25

Andrea Pitturru

Digital Marketing and Communication @Magneti Marelli

WWDC 2014: Apple presenta le novità al keynote, scopriamole insieme!

Anche quest’anno, specialmente dopo l’acquisizione di Beats avvenuta negli scorsi giorni, grande attesa per la consueta edizione (la numero 25) della conferenza annuale degli sviluppatori del mondo Apple (Worldwide Developer Conference 2014 – WWDC 2014).

Alle 19 (ora italiana) è stato dato il via alla WWDC 2014.

Andiamo quindi a scoprire le novità con il report “live” dal palco del Moscone Center di San Francisco, riassuntivo di tutte le novità presentate!

IL RACCONTO DELLA WWDC 2014

Si parte!

Sulla musica dei Coldplay, siamo in attesa dell’inizio della 25ma WWDC. Molte le novità che probabilmente verranno presentate stasera!

Si comincia puntuali, raccontando la grande importanza che hanno gli sviluppatori. Successivamente, un racconto di quanto siano importanti le app, sia nella vita personale che lavorativa delle persone.

La storia del WWDC è iniziata nel 1990 ed è cresciuta esponenzialmente da allora, fino ad arrivare a questo venticinquesimo anno.

Dopo questa introduzione, un po’ di statistiche: in un mercato informatico in decrescita, i Mac sono gli unici a crescere. Sono state installate più di 40 milioni di copie di Mavericks, un vero record con il 50% dei Mac users che ha effettuato l’aggiornamento (contro il 14% di Windows 8, secondo Cook!)

OSX

Sul palco sale Craig Federighi, per parlare di OS X. Dopo la creazione del nome “Mavericks”, il team di OS ha fatto un “viaggio” in California per trovare un nome al nuovo OS X. Ovviamente, missione compiuta: il nuovo OS è Yosemite. L’interfaccia, come da rumors, è completamente ridisegnata. Tutto è in stile “flat”, è stata introdotta una modalità “dark”, e il tutto è pensato per sfruttare tutto lo spazio a disposizione.

Notification Center è più simile alla sua controparte in iOS: contiene calendario, meteo, calcolatrice: è tutto nuovo. Possono anche essere aggiunti Widgets, consultabili direttamente dal menù laterale.

Spotlight ha anch’esso una nuova interfaccia, e compare nel mezzo del desktop, presentando informazioni anche da Wikipedia o da Maps, oppure Yelp. Può effettuare conversioni di unità di misura “live”, in stile Google.

Ora iCloud Drive. Con il nuovo iCloud Drive, possono essere trovati e caricati file di qualunque tipo (in stile Dropbox o Google Drive), sempre sincronizzati fra gli iDevices ed i Mac.

Novità anche per Mail: migliore integrazione fra le caselle di posta, e novità per gli allegati “voluminosi” con Mail Drop. Si possono inviare gli allegati via iCloud, i files vengono criptati e scaricati poi dall’utente finale, con qualunque piattaforma a sua disposizione (Mac o PC)

Novità anche per Safari: la barra dei preferiti è inclusa nella address bar, compresa la ricerca diretta in Google. Inoltre, è stata migliorata la condivisione delle webpages con i vari servizi online.

Ora novità per Airdrop: finalmente funziona fra iOS e OSX. Ma inoltre, si possono utilizzare contemporaneamente i vari devices: scrivendo una mail su iPhone, Mac ne è a conoscenza, e notifica all’utente che può continuare finendo la mail su Mac.

Inoltre, un’altra novità riguardante le telefonate: ricevendo una chiamata su iPhone, su Mac appare una notifica e si può rispondere direttamente!

Durante la demo, vengono mostrate le potenzialità di chiamata da Mac. Una nuova feature, usata per chiamare Dr.Dre, nuovo dipendente Apple dall’acquisizione di Beats!

Yosemite sarà disponibile per oggi agli sviluppatori, da Settembre per chiunque voglia fare da tester, e dall’autunno per tutti. Come per Mavericks, sarà gratuito.

iOS 8

Si inizia parlando di iOS e.. Android. Chi ha Android, dice Cook, lo ha per “sbaglio” (!). Questo perchè iOS7 ha portato il sistema operativo della mela ad altissimi livelli di soddisfazione (sempre Cook dice al 97% di gradimento). La percentuale di iOS 7 installata sui devices iOS è pari all’89%. Al contrario, Kitkat (l’ultima versione di Android) è al 9%, evidenziando il problema della frammentazione dell’ecosistema Android.

Ora l’annuncio ufficiale di iOS 8. Una release “major”, con moltissime features.

La grafica parte da iOS 7. All’arrivo di un messaggio, si può rispondere direttamente dal punto in cui ci si trova, senza uscire dall’applicazione corrente. Questo parte da un redesign del notification center, il quale permette di effettuare delle azioni predefinite con le varie notifiche delle app.

Novità anche su Mail, che puntano alla semplificazione e sul multitasking: si può ridurre, ad esempio, ad icona una mail in corso di scrittura, lasciando spazio a tutte le altre.

Anche Spotlight diventa più potente: si possono ricercare nuove app, canzoni, cinema nei dintorni, informazioni da Wikipedia…

Ora si parla di Quicktype: iOS ottiene dopo molti anni una nuova tastiera. Quicktype predice infatti quello che si sta per scrivere: alla domanda “vuoi andare a cena o al cinema” compaiono automaticamente le risposte. Quello che il correttore impara rimane sul devices, e sarà disponibile anche in italiano da subito!

Anche su iPad si potrà rispondere alle chiamate di iPhone, così come accade su Mac. Inoltre, anche iMessage guadagna features di chat, nello stile di Whatsapp (aggiungere partecipanti, silenziare la conversazione, mandare messaggi vocali o video..)

Ora si parla anche su iOS di iCloud Drive. Si possono aprire documenti, editarli e poi visualizzarli sugli altri devices, sia mobili che Mac o PC.

Novità anche nel business, con Enterprise: vengono fornite statistiche secondo le quali il 98% delle imprese del Fortune 500 usa iOS. Tramite Enterprise, le aziende potranno facilmente installare applicazioni aziendali per l’utilizzo su iOS.

Ora l’applicazione con più rumors in questi mesi: Health. Esistono infatti molte app che misurano alcuni stati fisici, ma nessuna app contiene tutto il necessario per una situazione corporea completa. Questo fino a Health appunto, che lavora con app di terze parti (come Nike) e app mediche, per integrare tutte le informazioni sulla salute e condividerle con il proprio medico o con la propria clinica (bidirezionalmente). Tutto questo per un quadro completo delle condizioni della persona.

Family sharing è una nuova applicazione, che consente di condividere informazioni, foto, la propria posizione e app acquistate fino a sei membri della stessa famiglia. Inoltre, è una sicurezza anche per i bambini: nel momento in cui acquisteranno una app, devono avere l’autorizzazione da un genitore.

Ora Foto, che riceve un corposo aggiornamento per quanto riguarda la ricerca delle fotografie, notevolmente migliorata, ed il foto editing, con molte opzioni di intervento.

Foto per Mac

Ora anche per Mac, Foto permette di avere tutte le foto scattate su iPhone e iPad con un design immediato ed immediatamente sincronizzato con iCloud. Le modifiche con gli strumenti di editor sono immediatamente disponibili su tutti i devices.

Sono stati anche rivisti i prezzi di iCloud, con 5GB gratuiti e piani mensili di acquisto di ulteriori GB.

App Store

Ora ridisegnato, può essere effettuata una ricerca migliore per categorie, vengono visualizzate le app degli sviluppatori in maniera migliore ed integrata, e possono essere acquistati bundles di app. Inoltre, con App Previews, possono essere effettuati video dagli sviluppatori per mostrare le loro app.

Realizzata anche TestFlight, modalità con la quale gli sviluppatori possono invitare gli utenti per effettuare test applicativi.

Con le nuove API per gli sviluppatori, possono essere inseriti nuovi provider (di ricerca, di condivisione..) e i widget nel notification center. Una maggiore apertura agli sviluppatori insomma, per migliorare l’integrazione con le varie app disponibili. Per la prima volta, anche per nuove tastiere di terze parti.

Touch ID

L’introduzione di Touch ID ha rappresentato una svolta. Ora, anche app di terze parti possono usare Touch ID, il quale continua a proteggere i dati degli utenti, che non rischiano così di finire in mani sbagliate.

Homekit

Come ampiamente previsto nei rumors, esiste un protocollo in partnership con i maggiori produttori mondiali di automazione per rendere la casa automatizzata e sincronizzata con iOS (e comandabile anche tramite Siri, con frasi del tipo “è ora di andare a dormire”, ottenendo così la chiusura completa della casa e lo spegnimento delle luci).

Metal, Spritekit e Scenekit

Il CEO di Epic mostra alcune delle potenzialità di Metal, nuove istruzioni firmware che permettono di ottenere, specie per il mondo dei videogames, nuove vette grafiche e di realismo, con un grandissimo miglioramento nell’uso dell’hardware (fino a 10x). Tutto questo garantendo quindi una potenzialità grafica elevata anche ai dispositivi iOS.

Spritekit e Scenekit sono dedicati invece ai casual games.

Xcode: Objective C e Swift

Apple crea Swift, nuovo linguaggio di programmazione. Veloce, rapido e sicuro, punta tutto sulla velocità di programmazione, migliorativa per i programmatori. Un nuovo linguaggio disponibile immediatamente, ideale per il nuovo iOS 8.

Conclusione

iOS 8 è disponibile in Beta da oggi, in autunno per tutti.

Sul palco infine, di nuovo Tim Cook, per il riassunto finale. Non ci sono stati nuovi prodotti hardware, ma la presentazione di un insieme di innovazioni che puntano a fare lavorare in sincronia i sistemi iOS e OS. C’è anche spazio per un ringraziamento a tutti gli ingegneri di Apple, che rendono possibile, sempre secondo le parole di Cook, un lavoro incredibile, che solo Apple sa offrire.

Grazie a tutti voi per avere seguito questo Keynote. Vi hanno colpito le novità presentate da Apple, o vi aspettavate qualche novità ulteriore (come i nuovi iMac ad esempio)? Come sempre, avete a disposizione lo spazio dei commenti!