Linkedin: come creare contatti con i gruppi

Linkedin nasce per creare contatti fra professionisti. Ecco come utilizzare i gruppi per trovarne di nuovi

linkedin

di Sheila Scarborough

Linkedin nasce per creare contatti fra professionisti e i gruppi che al suo interno riuniscono persone che si occupano dello stesso ambito – che stanno cercando lavoro nello stesso campo – che discutono sulle buone pratiche – che si danno consigli per migliorarsi, possono essere sfruttati al meglio per creare legami nuovi ed efficaci con altri professionisti.

Linkedin ha 2.1 milioni di gruppi. Nel momento stesso in cui aderite ad uno di questi state già facendo business; state mettendo in atto azioni focalizzate all’ingresso nell’ambito lavorativo che vi interessa.

Ricordate che l’attività svolta all’interno dei gruppi costa tempo e fatica. Preparare un intervento che racconti come avete risolto una crisi, ad esempio, può richiedere qualche ora. Rispondere in modo adeguato e puntuale ad una domanda della community di riferimento, avrà bisogno di tempo per la ricerca di materiale da integrare alla risposta.

Dunque è ancor più importante usare in modo efficace il tempo che passiamo all’interno dei gruppi Linkedin. Ecco come.

1. Usare i filtri per trovare i contatti

Linkedin permette di partecipare fino a 50 gruppi diversi. Per prima cosa, quindi, scegliete quanti più gruppi esistono relativi alla vostra nicchia, al vostro ambito lavorativo e all’interno di questo cercate i contatti giusti. Per far questo esiste uno strumento molto utile: il filtro.

Questo permette di filtrare i membri del gruppo per trovare gli influencer in base a differenti criteri. Basterà andare nella pagina dedicata ai membri del gruppo e inserire i tag desiderati nel campo di ricerca.

2. Personalizzare ogni invito

Vi dà noia ricevere lo stesso messaggio da un nuovo contatto da Linkedin: “Vorrei aggiungerti alla mia rete di Linkedin”? Allora non fatelo anche voi!

Iniziate il messaggio con una frase personale, spiegate perchè state contattando quella persona e aggiungere come avete trovato il suo nominativo.

Potete anche dare un’occhiata agli interessi della persona che stai contattando e magari partire da lì. Non sempre è necessario parlare di lavoro.

3. Scegliere i contenuti

Un altro modo per creare contatti è condividere all’interno dei gruppi contenuti di valore. Questo dimostra la vostra esperienza in quel campo e fa capire a chi legge in che cosa potete essergli utile.

Anche nel caso di Linkedin le persone cercano soluzioni e informazioni pratiche. Fate in modo di poterle offrire. Può essere d’aiuto iniziare un post con una domanda per poi dare una soluzione; sarete professionali ed esperti. E saranno gli altri a chiedervi di entrare nel loro network 😉

Linkedin è una buona opportunità per agire in funzione dei vostri obiettivi e prospettive lavorative. Ricordate sempre che quello che cercate in questo social non è vendere, ma ingaggiare contatti proficui e trovare informazioni utili.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?