10 modi per perdere follower sui social media

Le cose da non fare per essere sicuri di avere una strategia di social media marketing che funzioni

by Mith Huang

Questa volta facciamo il contrario, invece che suggerirvi cosa fare per ottenere i migliori risultati sui social media vi diciamo le cose da evitare assolutamente. L’aiuto ce lo fornisce Melissa Leiter su Social Media Today. Fornisce una lista di 10 cose che sicuramente faranno diminuire il numero dei vostri follower.

Il bello sta nel fatto che se per le cose da fare bene c’è sempre un margine d’errore, e in ogni caso bisogna sempre tener conto del tipo di brand che si vuole promuovere e dove, in questo caso possiamo star tranquilli che si tratta di cose comunque sbagliate.
Vediamo dunque come perdere fan e follower in 10 punti.

1. Inviare messaggi automatici di Twitter

Sicuramente il giochino è capitato anche a voi: iniziate a seguire un nuovo contatto su Twitter ed ecco che arriva quel messaggio che suona molto più che automatico di ringraziamento. Ecco questo è il primo passo da fare per perdere immediatamente il follower che avevi appena guadagnato!

Quel messaggio suona troppo impersonale e sparato nel mucchio per suscitare un buona impressione in chi lo riceve.

2. Parlare solo di te stesso

Non c’è molto altro da dire, è la regola più vecchia del web 2.0. Chi scrive, twitta e posta solo riguardo a se stesso dopo poco verrà a noia, non fornendo nulla di nuovo e nulla di utile a chi cerca risposte online.

Le conversazioni sui social media devono essere il più possibile personalizzate per funzionare ed essere efficaci.

3. Non rispondere mai ai commenti

Anche questo rappresenta una delle basi costituenti del social media marketing. Lasciare senza risposta un follower equivale a perderlo. Ovviamente rispondere ai commenti non significa rispondere al volo, immediatamente, ci sono risposte che meritano più tempo per essere elaborate, ma vanno SEMPRE date.

Leiter suggerisce di rispondere a qualsiasi tipo di richiesta entro massimo 24 ore, e noi le diamo ragione, in fondo siamo online!

by Matthew Johnson

4. Non interagire mai in tempo reale

In questo caso si utilizzano SOLO messaggi automatici e programmati. E’ il modo migliore per far sì che i vostri messaggi si perdano e non raggiungano mai i destinatari.

5. Pubblicare automaticamente i contenuti su tutti i social

Questo è un uso che può risultare comodo ma non sempre è funzionale, e se usato senza criteri rischia ancora una volta di mandare il vostro messaggio nel vuoto. Fare in modo che il vostro tweet finisca automaticamente su Facebook, o che ogni volta che pubblicate qualcosa sul vostro blog questo venga condiviso su tutti i social, non ha sempre senso.

Meglio, impegnare un po’ di tempo e di volta in volta decidere qual è il canale migliore per quel tipo di contenuto.

6. Essere su tutti i social network

In questo caso non si tratta di perdere i follower che avete già, ma sicuramente di non guadagnarne di nuovi.

Essere su tutti i social media è impegnativo, e per farlo al meglio è più funzionale iniziare da due o tre per poi misurare le vostre performance ed eventualmente aggiungerne altri.

7. Pubblicare testi senza immagini su Facebook

Pubblicare contenuti solo di testo senza foto vi farà finire nei meandri più nascosti del newsfeed dei vostri follower.

by Marc Smith

8. Pubblicare lo stesso contenuto che altri stanno condividendo

Copiare esattamente ciò che già in molti fanno non vi servirà a nulla, e sposterà i follower alla ricerca di qualcosa di più interessante e nuovo.

Sì, è proprio lì che bisogna muoversi: create un canale privilegiato, con contenuti originali. Solo così potrete creare engagement.

9. Condividere i contenuti sui diversi social con la stessa descrizione

Qui basterebbe aggiungere che ogni social media è diverso e con le sue dinamiche. In più i follower avranno il sospetto di avere davanti un sistema automatico e non una persona (o un’azienda con personalità).

10. Smettere di imparare

Per far sì che i vostri follower scappino di corsa vi basta non seguire gli aggiornamenti che i social media operano al loro interno (ad esempio un cambio di algoritmo) e non tenere conto delle novità che si susseguono.

E voi quali errori avete commesso nella vostra social media strategy? E come li avete risolti? Fatecelo sapere nei commenti.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?