5 tecniche per pensare come Elon Musk

Non fare le cose sempre nella stessa maniera: rompi gli schemi come fa un genio dei nostri tempi

Koshiro
Romeo Lippi

google.com/+romeolippi

Nuove sfide, scenari in rapidissimo cambiamento, dobbiamo sapere risolvere i problemi in maniera veloce, flessibile e creativa. Proprio dalla creatività (soprattutto quella dei bambini) si parte per sviluppare nuovi metodi di problem solving.
Elon Musk è l’imprenditore che sta dietro alla Tesla Motors ed a nuove generazioni di space shuttle. Prima di ciò, ha co-fondato PayPal. Se Tony Stark (Iron Man) esistesse, sarebbe Elon Musk. Come pensa un genio del business? Fast Company analizza la sua mente per divulgare il suo modo d’essere a tutti.

IDEAS

Imagine. Dissect. Expand. Analyze. Sell.
Un modello da applicare ai problemi strategici e rendere le nostre soluzioni esecutive. Ma quali modalità di pensiero dobbiamo utilizzare?

1. Essere visionari

Immaginare le cose che non ci sono è una delle caratteristiche più belle della razza umana. Immaginare è anche utile perché permette di uscire dai modelli di riferimento esistenti, dare forma ad un sogno e essere motivati a raggiungerlo perché abbiamo avuto la sua “visione”.
Elon Musk ha immaginato 3 generazioni successive d’auto completamente elettriche:
1. Un’auto high-tech/supersportiva
2. Un’auto familiare ma ancora sportiva
3. un modello per tutti
Mentre prima le case automobilistiche lo guardavano come un ingenuo, adesso cominciano a temerlo.

2. Fare connessioni

Creare un link tra due oggetti, tra due scenari, tra due bisogni dei consumatori. In modo tale da progettare un’unica soluzione utile a vari livelli. Elon Musk produce shuttle e razzi per viaggi spaziali. Nel prossimo futuro sarà possibile viaggiare tra la Terra e Marte. Ma quanto carburante servirà? Musk sostiene solo quello per l’andata: per il ritorno la tecnologia dei suoi prodotti sarà in grado di trasformare gli elementi chimici di cui è ricca l’atmosfera di Marte in “benzina” per lo Shuttle.

3. Non pensare sempre analogico

Il nostro pensiero quotidiano lavora per analogie: un’analogia adeguata permette ad una persona (o a un animale) di associare una cosa nuova a un concetto già esistente, cioè di trattare qualcosa di non conosciuto come se fosse familiare. Esempio: quando vediamo un nuovo pulsante/icona da premere sul nostro Iphone, sappiamo per analogia da altre situazioni che se lo tocchiamo succederà qualcosa.

Musk sostiene che questo tipo di pensiero non va bene quando bisogna essere creativi: è necessario essere contro la facile intuizione e indagare i legami nascosti come fa la fisica. Da qui la sua concezione di Hyperloop, un sistema di trasporto basato su capsule e tubi pressurizzati per collegare Los Angeles e San Francisco.

4. Non tornare alle vecchie abitudini

Anche quando sappiamo che una soluzione a cui ricorrevano è diventata obsoleta e abbiamo delle nuove strategie continuiamo a percorre la vecchia strada. Perché? Non è un problema di logica ma sociale. Tendiamo a adattarci a quello che fanno gli altri. Nell’essere uguale agli altri commettiamo gli stessi errori.

Quindi armatevi di senso critico e di coraggio e tentate la VOSTRA strada. Musk ha spinto affinché i suoi ingegneri creassero dei razzi spaziali riutilizzabili, in un momento in cui nessuno pensava a questo: la riusabilità delle tecnologie però sarà alla base di un futuro economicamente sostenibile delle missioni spaziali.

5. Far innamorare gli altri

Avete l’innovazione. Ma non basta. Dovete convincere gli altri…
E la persuasione non passa per la logica, passa principalmente per l’emotività. Se riuscirete a far emozionare gli altri esponendo la vostra idea, se riuscirete a fargli vivere l’esperienza prima del prodotto, vi sarete fatti degli alleati.
Musk vi sembra una persona convincente? Eccovi il TED da vedere! Qui sotto un’infografica con la storia del nostro Iron Man!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?