American Express: il fascino del bianco e nero conquista il web

L'hashtag #AmexArchive, l'amarcord che fa impennare i dati sull'engagement, vince. Ce lo dimostra Mona Hamouly, Vice Presidente, PR e Social Media Manager di American Express

Sembrano uscite da un vecchio baule della nonna, quelle immagini ingiallite che American Express, il colosso dei servizi finanziari e di viaggio, nato a Buffalo 163 anni fa, sta facendo circolare su Twitter, Google+ e Facebook. Sono foto che rappresentano la memoria storica di uno dei brand americani più famosi al mondo e si sa, per un popolo, come quello americano, che un vero passato non ce l’ha, una foto che ritrae una delle prime sedi di American Express è già un elemento di orgoglio storico, degno di essere condiviso.

Non parliamo solo delle immagini in bianco e nero di edifici importanti per AmEx, ma anche di sfiziosissime brochure di viaggio che risalgono al dopoguerra o di depliant pubblicitari che promuovono il brand American Express.

Quel gusto retrò che ci piace tanto

E’ proprio il caso di dirlo. Il vintage non passa mai di moda, tant’è vero che Mona Hamouly, Vice Presidente, PR e Social Media Manager di AmEx, in uno dei suoi tweet dichiara che “what is old is new“. In quel claim è racchiusa tutta la filosofia del progetto ideato dal team della Hamouly. Una campagna che, a detta della stessa, sta riscuotendo un certo successo, come lo dimostrano i numeri:

Secondo Adweek, l’hashtag #AmexArchive ha prodotto:

  • un aumento del 160% dei retweet su Twitter
  • un’impennata del 127% di Like su Facebook
  • un 100% di condivisioni in più su Facebook
  • un 104% in più di hike in su Google+
  • un 155% di commenti su Google+
  • un 366% in più di condivisioni su Google+
  • un aumento del 112% in termini di Like e commenti su Instagram

E’ per la semplicità? E’ per l’assenza degli effetti speciali? E’ per il senso di autenticità che queste immagini trasmettono? A che cosa è dovuto un miglioramento così significativo dell’engagement? Non è facile puntare sui sentimenti, soprattutto se a parlare è un istituto di credito. Eppure American Express ci riesce e coinvolge il suo pubblico americano e non.

Chiamiamola nostalgia. A quanti di noi è capitato di cercare su Youtube i vecchi spot pubblicitari degli anni ’80? Chi non ha mai condiviso il video della pubblicità Barilla, quello del gattino bagnato che viene raccolto dalla bimba dall’indimenticabile impermeabile giallo? Chi non si è incantato a guardare Joe Condor in Carosello?

Il meccanismo deve essere proprio lo stesso su cui American Express fa leva: attribuire alla storia, al passato, alla nostalgia un valore altamente social. A proposito, se pensavate che il web si fosse inventato qualcosa di nuovo con i micini o gli altri cuccioli domestici postati sulle più note bacheche dei social network, guardate un po’ che cosa hanno escogitato un bel po’ di anni fa, quelli di AmEx…è proprio il caso di dirlo: “what is old is new”. Parola di Mona Hamouly.

Scritto da

Emanuela Goldoni

Nasce nel cuore dell'Emilia, a Mirandola, per intenderci, la città del filosofo Pico della Mirandola. Per metà è partenopea, ma di mediterraneo ha preso solo il senso ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Kora-Bakeri .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it