Nuove tecniche di stampa lenticolare: più qualità, meno spessore

La comunicazione efficace può avvenire tramite qualsiasi mezzo, e la stampa lenticolare è sicuramente uno di questi


Vi avevamo già parlato di stampa lenticolare, modo di comunicare innovativo ed efficace. Ed il fatto che un’azienda tutta italiana (TreD) sia leader del settore in Europa personalmente mi fa molto piacere, perché vuol dire che la qualità del Made in Italy è viva e combatte, nonostante il periodo economico complicato.

Ricordiamo che le lastre lenticolari sono delle vere e proprie lenti d’ingrandimento, seppur piccolissime, sovrapposte ad una stampa, che conferiscono ad un’immagine (quindi un elemento in due dimensioni) l’effetto desiderato. La ricerca continua su software, materiali e processi produttivi ha portato ad una nuova linea di prodotti (o meglio, tre):

XD – Extra Depth: Alla lettera, profondità estrema: con questa tecnica di stampa si ottengono una nitidezza senza paragoni e la possibilità di rappresentare anche il volume degli oggetti, dando così l’illusione dei diversi piani dello spazio. Il tutto senza usare i classici occhialini.

XM – Extra Motion: c’era già la possibilità di stampare un breve filmato, ma con questa nuova tecnica il movimento è ancora più fluido e brillante, a favore di un maggiore realismo. Per sorprendere ancora di più l’osservatore con un’animazione su un supporto tradizionalmente statico (come un cartolina o un packaging).

XS – Extra Slim: un nuovo tipo di materiali permette di realizzare effetti 3D e di movimento su uno spessore di pochi decimi di millimetro, garantendo comunque una totale leggibilità anche dei più piccoli dettagli, grazie all’altissima densità delle lenti e l’alta qualità della stampa.

Con un occhio all’ecologia (i materiali sono completamente riciclabili), gli utilizzi possibili sono innumerevoli: dai gadget (magneti, adesivi) al marketing in-store, dalle affissioni esterne o interne (stazioni della metropolitana, aeroporti) agli stand espositivi, fino ad arrivare alle installazioni artistiche. Ad esempio, la danese Annette Meyer si è affidata alla stampa lenticolare per esporre al Trapholt Museum, in Danimarca, la sua mostra intitolata “Icon Dressed/Body Wrapping”, in cui una serie di pannelli ricrea una sfilata di moda virtuale.

Chi ha detto che la stampa sta morendo? La comunicazione efficace può avvenire tramite qualsiasi mezzo, e la stampa lenticolare è sicuramente uno di questi.

ARTICOLI CORRELATI

La stampa lenticolare H3D risveglia l’advertising con 3D e movimento

Stampa lenticolare: la creatività tecnologica al servizio di Karim Rashid

La metropolitana più bella d’Europa? A Napoli, anche grazie alla Stampa lenticolare

La stampa in 3D senza occhialini: H3D System Lenticolare

Effetto 3D per il nuovo rivoluzionario packaging con stampa lenticolare

Commenta

Nessun commento

RSS feed dei commenti di questo post.

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo post.

adv
Corso Intensivo in Non-Conventional & Viral Marketing