Google Drive è online: 5 giga gratis e molto di più [BREAKING NEWS]

Il colosso di Mountain View scende in campo nella guerra sulle "nuvole"!

L’arrivo di Google Drive è stato preannunciato dall’aumento dello storage gratuito disponibile su Google Docs, che ha ora raggiunto i 5 Giga. In poche ore il web si è mosso alla notizia che il gigante di Mountain View stesse per mettere online il suo nuovo servizio di storage. E in effetti in giornata ecco arrivare il sito ufficiale drive.google.com già disponibile anche in lingua italiana.

E si preannuncia già come agguerrito avversario di Dropbox,Sugarsync, Box, iCloud di Apple e altri servizi analoghi: “Google Drive. Conserva tutto e condividi ciò che vuoi”. 

E  visto che Google ha anche una buona dose di autoironia, sul blog ufficiale annunciano così l’arrivo di Google Drive:

Avete presente il Mostro di Loch Ness? Se ne parla tanto ma nessuno l’ha mai visto, proprio come nel caso di Google Drive. Bene, oggi siamo lieti di annunciarvi che quanto meno uno dei due esiste!”

Vediamo subito il video di presentazione:

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=wKJ9KzGQq0w’]

Sundar Pichai, il dirigente che è a capo dei progetti di Google Chrome e dei servizi di cloud computing, ha dichiarato:  “Vogliamo che questo sia il centro della vostra esperienza online.”( fonte @mercurynews)

Google Docs si sposterà dunque nel servizio di Google Drive: agli utenti sarà presto permesso, dopo aver fatto richiesta dal sito di Google Drive stesso, di installare il nuovo servizio e le applicazioni annesse.

5 giga gratis

Google offrirà agli utenti fino a 5 gigabyte di spazio gratuito, e fino a 25 gigabyte per $ 2,49 al mese, 100Gb per 4,99$ al mese o addirittura 1Tb per 49,99$ al mese: prezzi inferiori a molti concorrenti rispetto soprattutto alla quantità di dati concessa.

Vediamo brevemente il servizio come funziona.

Accedi da qualsiasi dispositivo, desktop o mobile

Google Drive, al suo interno, assomiglia molto a Dropbox: si installa il software su un dispositivo che esegue Windows, Mac OS X, Android e “nelle prossime settimane” anche su iOS.

Dunque si riceve una speciale cartella Google Drive per la sincronizzazione dei file.

Integrazione completa con tutti i servizi Google

Da quel momento potrete usufruire del fatto che Google Drive è completamente integrato con tutta la Google-sfera:dai servizi di ricerca, a quelli di e-mail, ai servizi di riconoscimento immagini al già citato Google Docs.“La bellezza di Drive è che quando si mettono i file su di esso, si può contare sulla potenza di calcolo di Google che vi è alle spalle”, ha dichiarato lo stesso Pichai.

Drive è in grado di cercare e indicizzare più di 30 tipi di file, inclusi i file Adobe (ADBE) come i pdf.

Google apre il servizio anche agli sviluppatori di software indipendenti, vale a dire gli sviluppatori con idee per impieghi specifici di un servizio di cloud storage e in grado di creare applicazioni specializzate. Questo rende possibile fare cose come inviare fax, modificare video e creare mockup di siti direttamente da Drive. Per installare queste app, dal blog di Google ricordano di dare un’occhiata al Chrome Web Store dove potrete trovare ulteriori applicazioni anche in futuro.

Drive permette anche di condividere i file con chiunque e come per Google Docs si può collaborare nella creazione e modifica dei file stessi.

 Cerca i tuoi file – qualsiasi file – con facilità

Ricerca per parole chiave, per tipo di file, per proprietario e addirittura trovare le parole all’interno di documenti scannerizzati, mediante tecnologia OCR (Optical Character Recognition). In questo modo anche una pagina di un libro o di un giornale scannerizzato sarà facilmente rintracciabile!

Inoltre, lo abbiamo già detto, è integrato anche il riconoscimento immagine: si tratta di una tecnologia ancora in fase di definizione, ma sul blog di Google si legge che sarà presto migliorata.

Per il resto delle funzioni e la successiva integrazione per iOS noi Ninja stiamo con gli occhi aperti e vi terremo aggiornati. Chiudiamo con un’altra citazione del blog di Google: Stay Tuned e “non smettete di cercare Nessie…”!