Herematic rivoluziona la distribuzione automatica

Con Herematic localizzi il distributore automatico ovunque vuoi e scegli i tuoi prodotti preferiti h24 da smartphone o Facebook

Alessia Di Raimondo

Sub-Editor Sezione Startup

Il 9 maggio p.v. a Venditalia 2012 si assisterà ad una rivoluzione nel settore del vending.

Farà il suo ingresso ufficiale sul mercato Herematic, primo ed unico network internazionale geolocalizzato di informazione delle vending machine, che si pone come punto di riferimento nel settore con una formula innovativa che integra web, smartphone, social network e geolocalizzazione.

Quale lo scopo di Herematic?

Tre goal; tre bisogni da soddisfare; tre categorie di utenti da inserire nel “network Herematic”.

In primis, consentire ai gestori di promuovere la localizzazione geografica dei distributori automatici e indicare le tipologie e le disponibilità dei prodotti offerti. Ma non solo.

Herematic consentirà ai produttori di pubblicizzare i propri brand, e, soprattutto, innoverà il sistema del vending permettendo ai consumatori di avvalersi di uno strumento di informazione che consente di acquistare 24 ore su 24 i prodotti di proprio interesse nei distributori automatici, valutando preventivamente la distanza, la disponibilità e il prezzo, attraverso una comoda app su smartphone o il canale Facebook.

Un’innovazione che risponde ad un’esigenza di mercato?

A livello internazionale il mercato del vending, considerando il solo settore food, conta oltre 23 milioni di distributori automatici (in particolare, dieci in Europa, sei negli Stati Uniti e 5,4 nel solo Giappone) ed il futuro dei consumi da vending machine, in ambito mondiale, è previsto in crescita, come indicato da Euromonitor International (leader mondiale nelle ricerche di mercato), anche a fronte di una più ricca offerta di prodotti e della copertura di nuove categorie merceologiche (Health&Beauty, Elettronica, Fashion, ecc).

Solo in Italia il valore totale del settore food nel 2010, evidenziato dalla ricerca commissionata dall’associazione di categoria CONFIDA, è di 2,6 miliardi di fatturato, con un incremento del 7,19% rispetto all’anno precedente. In aumento anche le consumazioni dei clienti (+7.68%) e la diffusione del parco macchine (+6,73%).

Alla luce di questo trend in crescita, Herematic pare rappresentare una mossa strategicamente valida per creare un business di successo, mettendo in rete il sistema del vending per promuovere lo sfruttamento di questo canale di vendita da parte dei consumatori e sviluppare nuove linee di marketing per fronteggiare la concorrenza.

Nello specifico il progetto Herematic si rivolge al vending in ambito pubblico, ovvero distributori automatici che i negozi integrano nelle loro politiche di vendita (tabaccai, benzinai, farmacie, supermercati, ecc.) o posizionati in luoghi ad alta frequentazione (stazioni, aeroporti, centri commerciali ecc.).

Comparto, questo, in costante crescita, rappresentando il 10% del numero totale delle vending machine operanti nel mondo, e senza competitor diretti per il nuovo entrante, Herematic, fatta eccezione per alcuni sistemi di store locator che sono stati implementati da pochi brand, al solo scopo di mappare i distributori sul territorio senza, però, prevedere una modalità interattiva con l’utente.

Quali gli attori del progetto e quali le prospettive?

Herematic è nata il 12 marzo da una Joint Venture contrattuale paritetica tra Trillomedia S.r.l e la Fabio Russo S.r.l. La prima, in veste di capogruppo guidata da Giuseppe Gargiulo, si occupa di coordinare la realizzazione del progetto e le attività di commercializzazione; la seconda (che è anche editrice della webTV “VendingTV”, unico canale b2b specializzato nel vending), cura la promozione e la pubblicizzazione.

Attualmente la capogruppo sta attivando, in ambito nazionale, rapporti con le associazioni di categoria e i maggiori player del settore per l’inserimento nel network di almeno 10.000 vending machine. L’obiettivo che Herematic si prefigge è di raggiungere 100.000 euro di fatturato entro il primo anno di attività e di generare ritorni già entro 18 mesi dalla presentazione al pubblico del progetto (che ricordiamo essere prevista per il 9 maggio p.v.), questo attraverso una fee prevista per l’inserimento dei gestori nel network ed il click degli utenti sulla pubblicità presente nelle app.

La beta di Herematic è online e una già forte azione di marketing e posizionamento strategico è in corso ad opera di Raffaele Rota, responsabile marketing di Trillomedia.
Aspettiamo l’evento di Milano tra meno di un mese per capire se questa potenziale “rivoluzione del Vending” otterrà il plauso del pubblico.

In bocca al lupo dalla Ninja Community!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?