Sedurre il consumatore con un appassionato storytelling

La comunicazione deve essere chiara, autentica e provenire dal cuore. Anche dopo San Valentino.

Questo post è una libera traduzione dell’articolo “4 Critical Steps to Seducing Your Customer with Passionate Storytelling” di Ann Meany su Content Marketing Institute.

E’ appena passato San Valentino, una delle feste più comunicate del marketing e qualche riflessione viene spontanea sulla comunicazione seduttiva. Sebbene il cioccolato abbia un grande appeal per una dolce festa come San Valentino, fondamentale per questa ricorrenza appare il potere della parola. Nessun altra festa si basa così tanto sulla magia seducente del linguaggio. Che si tratti di una poesia, di un messaggio su carta, o anche di un’e-mail, di un tweet, o di una frase su una caramella.

La comunicazione deve venire dal cuore!

L’autenticità è uno degli aspetti più importanti del comunicare bene. Ovvero il messaggio deve essere rappresentativo di un sincero stato d’animo. Il target deve identificarsi completamente nel messaggio.

Ad esempio, se si sta scrivendo un post su un nuovo software per commercialisti o per utenti che devono gestire un’imposta, va incredibilmente mostrato il lato umano e non quello tecnico:

Bisogna evitare di appesantire il contenuto del messaggio con ampie descrizioni tecniche difficili da comprendere per l’utente medio;

Evitare di puntare solo sul marketing di prodotto in senso tecnico ed invece, scrivere su una funzione d’uso del prodotto stesso che potrebbe migliorare la vita del vostro target: ad esempio, quanto tempo può essere risparmiato, come si può contribuire a ridurre i costi, o come si accelera il rimborso di un’imposta con questo software.

Parlare al proprio pubblico in modo facilmente comprensibile, mostrando le soluzioni al problema a cui il prodotto o servizio risponde.

Scegliere sempre parole vivaci che dipingano come in un quadro il valore che si sta affermando.

Non essere mai noiosi. Se si desidera catturare l’attenzione del lettore in breve tempo e con spazio limitato, assicurarsi che le parole siano significative. Bisogna permettere ai lettori di impiegare tutti i sensi nel recepire il messaggio – dovrebbero essere in grado di gustare il dolce amaro, cioccolato fondente di cui si sta scrivendo, o sentire il pungere tagliente della pioggia gelata citata per creare atmosfera, o ascoltare lo scoppiettio del popcorn in preparazione se si sta descrivendo un’atmosfera intrigante in una storia.

Per esempio: cosa succede se sta scrivendo di un innovativo utensile domestico come un soffione della doccia? Bisogna fare molto di più che snocciolare le caratteristiche del prodotto. Bisogna descrivere le sensazioni che vengono fuori dal suo utilizzo, come usarlo – con espressioni in questo caso tipo “una pioggia rinfrescante estiva”, o “una cascata di lusso.”

I consumatori vanno aiutati ad immaginare i benefici di questi prodotti piuttosto che inculcati sulle caratteristiche tecniche. Dopo aver creato una sensazione, sarà difficile dimenticarla.

Utilizzare un’espressione attiva per creare entusiasmo e impatto.

Un biglietto di San Valentino di solito non dice: “Tu sei amato da me.” ma “Ti amo“. Un’espressione forte ed attiva, proprio come ci suggeriva l’analisi logica studiata a scuola, aiuta subito ad arrivare al cuore del messaggio. Il contenuto attivo è un ottimo mezzo per comunicare e rimarrà più a lungo nella mente di chi legge.

Bisogna pensare che molti dei visitatori di un sito, ad esempio, hanno fretta e non amano contenuti prolissi. Non hanno tempo né voglia di leggere frasi lunghe o complesse ma preferiscono evocare in se stessi esperienze, contenuti pregressi attraverso nuovi messaggi. Una frase come “Il cameriere ha fatto cadere un vassoio intero di mojitos” cattura l’attenzione più rapidamente di “un vassoio intero di mojitos è stato fatto cadere dal cameriere.” Insomma espressioni banali, scritte nel giusto modo alterano completamente il senso di ciò che si scrive.

Creare il potenziale delle azioni.

Tornando alla metafora della “Festa degli innamorati”, quasi ogni messaggio per la Giornata di San Valentino ha una sorta di retropensiero di fondo sul come ottenere un’altra azione (“Dimmi di sì“, “Sii mio“, ecc.) I Copy del Marketing hanno lo stesso obiettivo. Qual è il prossimo passo che vuoi che i tuoi lettori compiano? Forse vuoi stimolare l’utente ad impegnarsi sul sito lasciando un commento o ponendo una domanda; o semplicemente vuoi che l’utente/cliente parli con gli altri di quello che ha letto. Qualunque sia l’obiettivo, va inculcato al lettore il passo successivo.

Quando usate nel modo giusto, le parole hanno un enorme potere di influenzare e convincere!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Stefania Mele

Stefania Mele aka Satoko, napoletana, laureata in Economia e Commercio, già da studentessa ha lavorato nel “Laboratorio di Marketing” della Federico II di Napoli. Ha ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Stefania Mele .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it