Galaxy S II vs iPhone: la nuova campagna Samsung sfotte gli Apple addicted

Vi presentiamo la nuova campagna crossmediale per il Samsung Galaxy S II, “The next big thing is already here”, pensata e curata da due importanti agenzie statunitensi, 72 and sunny (famosa per la campagna di Benetton, “unHate“) e Deep Focus.

La campagna parte con un forte elemento emozionale rappresentato da uno spot brillante, il cui tema centrale è l’eterno conflitto Samsung-Apple, per poi svilupparsi attraverso una pagina Facebook in cui si approfondisce l’argomentazione “perché il nuovo Galaxy è meglio dell’iPhone” e l’hasthtag su Twitter #stopwaiting in cui si può scrivere, tra le altre cose, come passare il proprio tempo invece di fare la fila per l’ultimo modello di smartphone della mela.

Per capirci meglio guardiamo lo spot in versione integrale:

 Samsung insomma sferra un attacco all’impero iPhone e lo fa proprio in stile Apple, ricorda infatti vagamente la storica campagna “I’m a Mac, I’m a PC”.

Possiamo vedere lo spot di 60 secondi sul canale Youtube  Samsung Mobile USA e presenta diversi divertenti video.

Come dicevo, Samsung su Twitter ha lanciato hashtag #stopwaiting. Come per lo spot, il messaggio del Galaxy S II è chiaro: perché aspettare? “The next big thing” è già qui, rievocando la celebre frase dell’amato Steve e prendendo in giro chi, con devozione quasi religiosa, aspetta per ore in fila per avere l’ultimo modello di iPhone e facendo il verso agli Apple addicted, dipingendoli come pretenziosi wannabe (“Dude… you’re a barista”).

Non poteva poi mancare la pagina Facebook, Samsung Mobile USA, con tab dedicata “The Next Big Thing”.

Ritroviamo una grafica in coordinato con la campagna, con uno stile che è un mix tra vintage e tecnologia, tra magazine e fumetto, davvero giovane e fresca.

Sempre sulla pagina Facebook, che attualmente registra più di 450.000 fan, oltre ai video, con link per la condivisione, troviamo anche informazioni tecniche e alcuni divertenti contenuti aggiuntivi.

La campagna forse non riuscirà a convincere i seguaci Apple (“This is what adultery feels like?” si chiede uno nello spot; “That’s old school” dice un altro tronfio) ma sicuramente farà leva su tutti coloro che stanno riscontrando problemi con l’iPhone o che sono ancora indecisi su quale smartphone acquistare.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?