QR code, 7 utilizzi per il marketing

Per molti oramai superato, per noi "attualissimo" quando si mette in gioco la creatività.

Massimo Sommella

Managing Editor @ Ninja Marketing

Advertising School: Miami Ad School, New York - USA Creative: Viktor Angwald

Innanzitutto chiariamo di cosa stiamo parlando. I codici QR, acronimo di “quick response”,  sono dei codici a barre bidimensionali a matrice composti da moduli disposti all’interno di forme quadrate.

Sono leggibili attraverso telefoni cellulari e smartphone (attraverso apps specifiche) e contengono molte più informazioni di un tradizionale codice a barre. Ogni crittogramma contiene 7.089 caratteri numerici e 4.296 alfanumerici.

Inventati in Giappone per una gestione più semplificata delle scorte di magazzino oggi i codici QR vengono molto utilizzati nell’advertising per integrare le campagne tradizionali con contenuti digitali di approfondimento (siti web,video ecc.), aumentare l’engagement e l’interazione con i consumatori.

Ecco a voi i 7 utilizzi più interessanti dei codici QR nel Marketing:

1. Mappe e Segnaletica

I QR codes si rivelano molto utili quando occorre orientarsi all’interno di spazi grandi, come i centri commerciali e i parchi di divertimento. In questi casi i codici forniscono mappe specifiche del luogo ma è possibile anche essere più creativi ad esempio utilizzandoli per una caccia al tesoro “virtuale”.

2. Coupon e offerte speciali

È l’utilizzo più sfruttato e consente agli utenti di ottenere offerte speciali in luoghi specifici, preferibilmente per un periodo di tempo limitato.

3. Dall’esperienza in-store al web

Spesso un’esperienza classica di un retail può non essere totalmente soddisfacente, in quel caso si può arricchirla inserendo codici QR all’interno degli spazi di vendita. È ciò che ha fatto PUMA per lanciare la collezione da uomo del designer Hussein Chalayan presso i magazzini Selfridges di Londra.

L’agenzia Everyone Associates aveva l’obiettivo di rendere il mood della collezione, basata sul viaggio e sulla vita urbana, all’interno dello spazio di vendita. Per farlo si è optato per una metafora visiva di un piccolo campo topografico in cui ogni asta verticale indicava un luogo preciso e attraverso i codici QR forniva le mappe dei luoghi più cool delle metropoli.

4. HOW TO

I QR codes si rivelano utili nella forma di “consigli” agli utenti tramite video o audio, quando per esempio stiamo vendendo prodotti dalla non chiara utilizzazione (es. particolari utensili da cucina).

5. Post Vendita

I codici QR possono essere usati per tutte le attività di post vendita, ad esempio collegando il consumatore direttamente alla pagina web per la registrazione del prodotto o fornendo utili consigli per il montaggio dello stesso (si pensi ai mobili ikea).

6. Integrare il Direct Mail con il Web Marketing

Per aumentare il grado di risposta alle lettere inviate ai consumatori è utile aggiungere al loro interno un QR Code che colleghi direttamente ad una landing page in rete. Così facendo è possibile integrare gli sforzi di marketing offline e quelli online.

 

7. Biglietti online

Comprare online un biglietto per un evento e ricevere sul proprio telefonino il codice QR ed esibirlo poi allo scanner all’ingresso. Basta cercare sotto il letto biglietti di un concerto comprati mesi prima!Anche le compagnie aeree e ferroviarie utilizzano sempre più gli scanner QR agli imbarchi e per i controlli.

Nonostante sia considerato da molti oramai superato, il codice QR continua ad essere utilizzato nelle campagne di marketing di tutto il mondo mostrando forme creative sempre nuove e originali.

Fonte Originale: “The top seven applications of QR codes for marketing” pubblicato da Danyl Bosomworth su Mycustomer.com

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?