InNoveTempi gratis per 9 giorni! PocketArt un'app Esclusiva

Un'app progettata 50 anni fa

Attenzione! Questa APP è stata ideata mezzo secolo fa.

In questi 6 mesi e più vi ho presentato tante APP per il MobileLifeLive, ora vi riparlo di un prodotto che con l’artista Giovanni Anceschi, il Software Architect Fabio Scognamiglio e Danilo de Rosa, Trends e Management di Wooom abbiamo prodotto.

Abbiamo riformulato il claim dell’ultima Settimana della cultura perchè pensiamo che come il nostro straordinario patrimonio artistico anche l’arte digitale debba essere goduta gratuitamente per nove giorni, dal 13 al 21 luglio prossimi.

L’APP InNoveTempi è un’opera d’arte in forma interattiva, un dispositivo per generare una sofisticata “esperienza estetica” e genio artistico ad ogni possessore di iPhone e iPad. infinite esperienze artistiche per uno spettatore/attore del processo creativo che ricombina all’infinito in modo randomico gli elementi dell’opera.

InNoveTempi è un’opera d’arte ideata nel 1962 da Giovanni Anceschi, con il “Gruppo T” del movimento di Arte Programmata. La sua prima forma espressiva è stata realizzata in occasione della mostra realizzata a Milano per iniziativa della prima e più importante azienda italiana di elettronica, Olivetti*.

Umberto Eco, appena trentenne, aveva appena scritto Opera aperta e curava l’Almanacco Letterario Bompiani, una brillante pubblicazione annuale dedicata alla discussione dei temi letterari e artistici emergenti nell’anno.


Nel 1962 il tema fu “L’applicazione dei calcolatori elettronici alle scienze morali e alla letteratura”***.
Per contribuire a questo volume Eco chiamò Bruno Munari caposcuola dell’arte cinetica e programmata e già autore delle “Macchine inutili”(1933), e cinque ventenni Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gianni Colombo, Gabriele De Vecchi e Grazia Varisco, che da poco avevano fondato il Gruppo T, pubblicando la dichiarazion eMiriorama 1. Ciascuno dei membri del gruppo T produsse una o più opere di Grafica Programmata, ideate “secondo criteri cibernetici”, e realizzate con tecniche grafiche.
Anceschi produsse la Grafica Programmata che è diventata l’APP InNoveTempi.

Scarica l’APP InNoveTempi

InNoveTempi

Istruzioni InNoveTempi

Definizioni

Arte cinetica: Forma d’arte plastica nella quale il movimento delle forme, dei colori, dei piani è il mezzo per ottenere un insieme mutevole. Lo scopo dell’arte cinetica non è quindi quello di ottenere una composizione fissa e definitiva.

Opera aperta**: Forma costituita da una costellazione di elementi in modo che l’osservatore, con una propria scelta interpretativa possa individuare i vari collegamenti possibili e quindi le varie possibilità di configurazioni diverse: al limite intervenendo di fatto per modicare la posizione reciproca degli elementi.

Opere moltiplicate: Opere progettate dall’autore per essere prodotte in varie copie, usufruendo delle tecniche industriali. Non quindi riproduzione approssimativa di un “pezzo unico” originale, come normalmente avviene nelle stampe d’arte.

Arte programmata: L’arte può essere programmata. Da una programmazione esatta nasce una moltitudine di forme simili.

* Catalogo “Arte programmata”, Milano, Olivetti, 1962
** Umberto Eco, Opera aperta, Milano, Bompiani, 1962.
*** AA VV, Amanacco Letterario Bompiani, Milano, 1962

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?