Social network di quartiere: OhSoWe e NeighborGoods

"Stuff Sharing" tra vicini di casa per risparmiare tempo e denaro

Anche per chi vive lungo lo stesso isolato, comunicare online può risultare decisamente più comodo. Nascono così piattaforme dedicate alle pratiche di social networking tra vicini di casa e persone che vivono nella stessa area. Noi di Ninja Marketing vi abbiamo già parlato di EveryBlock, social lanciato da MSNBC.com, realtà operativa nel settore del giornalismo online.

Oggi vorremmo parlarvi di due nuovi social network nati negli Stati Uniti, OhSoWe e NeighborGoods. Entrambi sono accomunati da un’idea di fondo molto semplice: quante volte ci capita di avere bisogno di oggetti o strumenti che adoperiamo solo per poco tempo? E quanti invece giacciono inutilizzati nelle nostre cantine o soffitte? Allora, perché non metterli a disposizione di tutto il vicinato?

Condividere l’uso di alcuni oggetti può aiutare a risparmiare denaro, risorse e può contribuire a rafforzare i legami di quartiere: partendo da questi presupposti, NeighborGoods offre uno spazio virtuale in cui è possibile proporre gli articoli che si ha intenzione di mettere a disposizione della comunità e, viceversa, trovare quelli di cui si ha bisogno, classificati in base alla categoria merceologica cui appartengono e la zona geografica in cui è possibile reperirli. Si tratta, sempre e comunque, di un prestito, e i proprietari dei vari utensili possono decidere se fornirli gratuitamente o farsi pagare una somma, se condividerli solo con i propri conoscenti oppure tutta la comunità. Gli utenti possono inoltre creare dei gruppi dedicati (pubblici o privati), operazione, questa, per cui NeighborGoods richiede il pagamento di una somma che va dai 6 ai 36$ mensili. L’iscrizione alla community è invece assolutamente gratuita.


Se NeighborGoods si focalizza sullo scambio di oggetti, OhSoWe, creato dal fondatore di OpenTable, Chuck Templeton (insieme al co-founder Arun Sivashankaran), oltre a facilitare la condivisione di strumenti, incoraggia la discussione e il coinvolgimento su base locale. Il sito si compone di tre sezioni: Neighbors, Communication e Shareables. Neighbors include gli elenchi di persone che vivono vicino (il cui indirizzo è verificato da OhSoWe), Communication è una bacheca pubblica a disposizione dei vari Neighborstead (gruppi che è possibile creare all’interno della community sulla base non solo della distanza geografica, ma anche degli interessi condivisi o di iniziative portate avanti in maniera congiunta), mentre Shareables è lo spazio dedicato allo scambio vero e proprio.

Pare, insomma, che il martello che ci serviva a puntellare la nostra libreria o il tavolo da giardino adatto al barbecue della domenica si possano reperire con semplice click. Non ci resta che vedere se i vicini di casa avranno voglia di prestarci i loro attrezzi o i loro mobili da giardino.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?