Tablet e Automotive: la convergenza disegna nuovi scenari [TRENDS]

Partono i nuovi progetti di integrazione tra i mobile devices e le altre realtà quotidiane; ecco alcuni esempi per l'Automotive.

Ripensare il modo di vivere la mobilità e avvicinare il consumatore a  mete, persone e contenuti lontani: questa è la vision che accomuna auto e mobile devices. La relazione tra i due mondi è meno teorica di quanto si possa immaginare: basti pensare che i possessori di mobile devices saranno, insieme alle aziende e le istituzioni, il target ideale per la diffusione delle auto elettriche, perchè sono già abituati a gestire in mobilità dei dispositivi alimentati a batteria.
L’integrazione tra mobile ed Automotive si sta accentuando sempre di più: Automotive brand app e campagne di comunicazione crossmediali sono l’inizio del processo a cui stiamo assistendo.

Mercedes – tablet di serie

I Tablet non rappresentano più un corredo tecnologico per il nostro abitacolo: essi incrementano la sicurezza e migliorano la gestione di accessori come fari, climatizzatore e navigatore. Le grandi marche hanno compreso la potenzialità dei mobile devices ed ogni tanto ci sorprendono, proprio come ha fatto Mercedes, con questo concept di Classe A

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=tbN80CvX5t8&feature=player_embedded#at=32′]

Questo prototipo rappresenta un importante punto di inizio per la casa tedesca: nella Classe A del video sono racchiuse le principali novità estetiche, meccaniche e tecnologiche che vedremo sui prossimi modelli Mercedes. Avete dato un occhio all’abitacolo? Proprio così, al centro della plancia, invece del computer di bordo, c’è un bell’iPad.

Class A Concept

General Motors – massima compatibilità mobile

Dal 1996, il gruppo General Motors adotta per i propri veicoli la gamma di computer di bordo “OnStar”. Oggi, dopo tre anni di progettazione, i sistemi OnStar saranno compatibili con i dispositivi mobile per creare nuove soluzioni di funzionalità e praticità. 

OnStar Systems


Soluzioni integrate

Quando il tablet non è previsto direttamente dalla casa madre del veicolo, ci si può attrezzare per soluzioni integrate per l’abitacolo della propria automobile. Vediamo come questo prototipo della QNX Automotive mostrato durante l’Embedded World 2011 riesce ad integrare i mobile devices Blackberry all’interno dell’abitacolo.

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=RLQ-X4f_E1E&feature=related’]

Con l’avanzamento tecnologico i Tablet non saranno un’appendice del quadro comandi (il pannello di indicatori posto davanti al guidatore), ma sarà il contrario: sul quadro comandi compariranno le informazioni che abbiamo richiesto al nostro tablet.

Quali saranno dunque i possibili scenari futuri? Riassumiamolo insieme.

  • Convergenza a diverse strade: Le case automotive stanno adottando soluzioni diverse per raggiungere lo stesso fine. L’integrazione tra mobile ed auto sarà attuata con progetti personalizzabili a seconda delle proprie esigenze;
  • Servizi Mobile forniti direttamente dall’Automotive: riprogettati come sostituti del computer di bordo o come validi aiuti per la gestione dei servizi dell’automobile, i Tablet verranno forniti dalla casa produttrice del veicolo, per semplificarne l’integrazione;
  • Nuovi ambiti applicativi: i mobile device (ed i tablet in particolare) si prestano a diverse aplicazioni pratiche. L’esempio dell’automotive ci aiuta a comprendere le potenzialità di questi straordinari mezzi, andando oltre il semplice uso “stand alone”.