Gunpania: guerrilla campana in stile CSI

Scena in pieno stile CSI quella messa in scena a Salerno la scorsa settimana. Giovedì infatti, nel quartiere Mercatello, i passanti si sono imbattuti in uno spettacolo piuttosto inquietante: le gambe di un cadavere che sbucano da un cespuglio. Arriva anche la polizia scientifica, che delimita la zona per rilevare le tracce dell’accaduto. Una scena tanto realistica da da attirare l’attenzione di una volante di passaggio che si avvicina per aiutare i colleghi arrivati in precedenza sul posto.

Ma – almeno per una volta – non c’è nessun vero omicidio da risolvere: la scena infatti è un’azione di guerrilla organizzata da Gunpania, un progetto costituito da gruppo di artisti, performers ed esperti di comunicazione che realizzano azioni non convenzionali sul territorio campano. Lo scopo è sensibilizzare, in modo moderno e giovane, le coscienze dei giovani su argomenti delicati come la delinquenza giovanile e la droga, mostrandoli nella loro cruda realtà’ attraverso una strategia comunicativa caratterizzata da semplicità ed ironia.

Gunpania cerca di coinvolgere gli adolescenti compresi in una fascia di età tra i 12 e i 20 anni, appartenenti a classi sociali medio basse e localizzati nelle periferie delle città per diffondere il messaggio che pur essendo nati, cresciuti e vissuti in un territorio problematico, è possibile vivere in maniera civile e rispettosa della società.