Il riciclaggio creativo di "Come suona il caos?"

Silvia Carbone
Silvia Carbone

Marketing Manager @ Ninja Academy

Amici Guerrieri,

ve li ricordate i ragazzi di “Come Suona il Caos?“, il progetto che ha l’obiettivo di realizzare diversi strumenti musicali attraverso l’arte del riciclo creativo, quindi utilizzando i materiali più impensabili, come vecchi barattoli, bidoni, sacchetti di plastica, scope, bacchette hashi (quelle del sushi per intenderci), e chi più ne ha, più ne metta!!

Come Suona il Caos?“, insieme a “Street Museum“, è uno dei progetti realizzati da Street Academy – il laboratorio di ricerca e sperimentazione delle tecniche più innovative della street art.

A guidare questo progetto è il Maestro Maurizio Capone, uno dei più importanti artisti dello street suond, che nasce artisticamente agli inizi degli anni ’80. La sua carriera inizia da solista, e qualche anno dopo si unisce con gli “Bungt & Bangt” con i quali dà il via a diversi progetti dello street sound, risquotendo un successo tale da divenire supporter “live” di tanti grandi nomi, come Jamiroquai, Planet Funk, Vinicio Capossela, Edoardo Bennato e Irene Grandi.

Ma torniamo a parlare di “Come Suona il Caos?”…Con cadenza settimanale, a partire dal 16 dicembre 2008, sono stati realizzate 22 video-lezioni nel quale veniva mostrata la costruzione di diversi strumenti come la buatteria, lo scatolophon basso, la violetta e tantissimi altri, tutti creati con materiali di recupero, o comunque a basso costo. Le video lezioni sono state pubblicate sia sul blog del sito che sul canale di YouTube. Inoltre sono stati creati anche un canale su Qoob ed uno su YouImpact. Quest’ultima piattaforma merita una considerazione a parte. Youimpact è infatti una piattaforma di sharing nata per creare una community che diffonda la cultura della sostenibilità e dell’ecologia in modo non convenzionale. Per ogni contenuto inviato sulla piattaforma, grazie ad Impatto Zero verranno creati nuovi metri quadrati di foresta. Ebbene, grazie ai video di Come Suona il Caos? inviati finora, sono stati piantati ben 313 metri quadri di foresta.

Con la 23esima puntata è iniziata una nuova serie, in cui verranno mostrati i live di “Capone e i Bungt & Bangt” e in modo particolare verranno spiegati i modi per superare i problemi che si possono incontrare con questo tipo di strumenti, come ad esempio l’eco della voce quando si suona la “buatteria”.

Il progetto ha riscosso molto successo, sia on che offline: ha vinto il premio TP “COMUNICARE LA SOSTENIBILITA'” e ne ha parlato anche il Corriere della Sera.

Sul sito gli utenti possono interagire con Capone, commentando i tutorial e le video performance di altri utenti, infatti è possibile uploadare i video-tutorial delle proprie creazioni.

Capone sceglierà i migliori musicisti che lo accompagneranno durante il grande evento finale che si terrà a Napoli, suddiviso in due fasi: il workshop nel quale verrà insegnata l’arte di far cantare “la monnezza” e il grande concerto di street music. L’evento verra trasmesso in streaming sul sito StreetAcademy.it.

Consiglio a tutti le video-lezioni..Chissà che non venga fuori la NinjaBand!!