Brand Reputation

Da FCA a Volkswagen i rischi di immagine per i brand coinvolti

Breve analisi del caso DieselGate, che ora mette a repentaglio la fiducia da parte di clienti e azionisti anche per Fiat Chrysler

L’agenzia per la protezione ambientale statunitense (EPA) ha accusato Fiat Chrysler (FCA) di aver inserito nei modelli Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 un dispositivo di manipolazione delle emissioni che permette di superarne i limiti.

Fiat Chrysler

Si tratta della seconda casa automobilistica messa sotto i riflettori dall’agenzia americana per la presunta violazione della legge sulle emissioni e l’utilizzo di software per passare i test di laboratorio. Prima di FCA infatti, ricordiamo tutti il caso Volkswagen, che ha infine ammesso di aver utilizzato tali meccanismi e acconsentito di pagare una multa di 4,3 miliardi di dollari.

Non si tratta però delle prime accuse: è infatti da più di un anno che la diatriba tra Roma e Berlino sul caso emissioni va avanti, dopo che Deutsche Umwelthilfe, associazione ambientalista tedesca, aveva sostenuto di aver riscontrato delle anomalie nelle emissioni di alcuni modelli.

Dopo Volkswagen, maggiori controlli

L’EPA ha annunciato di aver scoperto il software presumibilmente illegale utilizzato da FCA, proprio grazie a dei test più avanzati condotti sui modelli diesel, progettati a seguito dello scandalo Volkswagen.

LEGGI ANCHE: Emissione impossibile: i problemi di Volkswagen con l'Epa

fca volkswagen scandalo emissioni

Durante questi controlli, sono stati scoperti otto meccanismi volti a cambiare le emissioni dei veicoli sotto alcune condizioni, di cui la casa italo-americana non aveva rivelato l’esistenza. Non tutti questi device sono illegali e nati per “barare” come quelli utilizzati dall’azienda tedesca, ma ancora non è chiaro il motivo per il quale non siano stati dichiarati subito.

LEGGI ANCHE: DieselGate e la brand reputation di Volkswagen

Il rischio più grosso per FCA: immagine e reputazione

Fiat Chrysler

In caso di uno scandalo come quello Volkswagen, i danni più elevati non sarebbero quelli connessi alle multe o al titolo in borsa (già in crollo), ma sarebbero legati al danno, difficilmente stimabile e quantificabile, che si potrebbe avere sul brand e sulla reputazione dell’azienda.

Una situazione complicata da gestire con attenzione, non solo data l’importanza che il mercato rivolge ai temi ambientali ma soprattutto per il fatto che scoperta la prima irregolarità da parte dell'azienda, questa difficilmente riuscirà a riguadagnare la fiducia dei propri clienti.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Una situazione complicata da gestire con attenzione, non solo data l’importanza che il mercato rivolge ai temi ambientali ma soprattutto per il fatto che una volta che un’azienda viene scoperta barare, difficilmente riesce a riguadagnare la fiducia dei propri clienti.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY