Bisquits, la piattaforma di social coding per programmatori e nerd

Elena Muscas 

Contributor sezione Social Media

Ormai i social network non si contano più. E così è nata anche la rete sociale dedicata ai  programmatori che a quanto pare hanno anche un animo social. Sarcasmo a parte!

Bisquits è una start up di quattro giovani italiani. L’idea è quella di condividere i codici che scrivono con altri utenti e creare librerie condivise selezionandone degli altri dai propri contatti. Inoltre, grazie ai clouds è possibile condividere direttamente da altri siti i dati raccolti così da poter essere utilizzati anche su altre piattaforme.

Al momento esistevano già dei social in cui condividere linguaggi e codici semplici come html e css - Github, Bitbucket, Smipple e Snipt - ma Bisquits fa la differenza perché qui è possibile anche creare le librerie e spartirle non solo fra nerd e ‘smanettoni’ ma anche con chi vuole utilizzare quei codici, aggiornarli eo modificarli da quelli inseriti in Bisquits.

Lo scopo? Rendere al web ciò che è del web, l’apertura al confronto e alla condivisione: l’open source che crea cose migliori!

Quando qualcuno aggiorna il codice automaticamente vengono aggiornati tutti i siti in Rete in cui quel codice è presente. Il codice inoltre può essere votato e quindi ciò permette ai programmatori o a semplici appassionati di partecipare alla creazione di software migliori e competitivi.

Bisquits è un mix fra game e social network perché un programmatore che propone le idee migliori vince delle medaglie e diventa popolare con la possibilità di trasformare i propri premi in credito per pagare le proprie connessioni fra codici e siti.

Al momento è on line solo la versione Beta. Siamo curiosi di conoscerne gli sviluppi.

Italians do it better!

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy