Il lato social e sociale del couponing online

La crescita dell??eCommerce ha creato una nuova tipologia di utente-consumatore, più attento e consapevole, che le aziende devono conquistare

Fabio Casciabanca
Fabio Casciabanca

Editor Business Ninja Marketing



Di recente una storia comparsa sull’Huffington Post ha commosso gli americani, grazie al lato emozionale che anche il couponing può avere quando al codice sconto si dà un valore sociale.

Tina Klein, una mamma single che ha imparato ad usare i buoni sconto per far fronte a un periodo difficile della sua vita subito dopo il divorzio, ha trovato la maniera di trasformare la sua passione per il risparmio in un aiuto per le persone bisognose. Usando le sue abilità da Pazzi per la spesa, ha dato vita alla Super Coupon Woman Foundation, un ente benefico che ha donato migliaia di dollari in cibo, vestiti e giocattoli alla sua comunità.

Il vero valore del couponing digitale

Oltre al lato sociale, il couponing ha sempre più assunto una valenza social, come catalizzatore di community che ruotano proprio intorno al modello del risparmio condiviso. Quando infatti la necessità o la semplice convenienza dello sconto si trasforma in esperienza condivisa di scambio ed aiuto reciproco, ecco nascere, sempre più spesso online, gruppi di acquisto solidale o semplici community di informazioni, in grado di rendere fruibili per tutti i membri i migliori sistemi di reperimento di offerte e coupon.

Naturalmente questo tipo di approccio, che non tralascia una radice green, con l’attenzione ad evitare lo spreco di carta dei vecchi volantini attraverso il nuovo canale digitale, può significare un notevole ritorno anche per le aziende in termini di fiducia del consumatore e di fidelizzazione.

Il marchio che offre sconti e coupon è in grado di guadagnare una buona dose di simpatia da parte di questa tipologia di utenti web, che si possono a tutti gli effetti definire esperti del risparmio e che non tarderanno a riversare l’esperienza positiva nei rispettivi gruppi e community online.

Seguire il trend di crescita degli eCommerce grazie a un codice sconto online

Come dimostra il recente report dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm della School of Management del Politecnico di Milano, la previsione di crescita delle vendite online dai siti italiani per tutto il 2015 si attesta intorno al 15%, per un fatturato stimato superiore ai 15 miliardi di euro. Mentre secondo i dati di Ecommerce Europe, le vendite dei negozi online europei aumenteranno complessivamente di un 18,4% nel corso del 2015.

Comodità, velocità nell’acquisto, ma anche convenienza e cura del cliente sono le armi vincenti degli eCommerce di successo. Tutti elementi che influenzano, insieme alla enorme diffusione di metodi di pagamento elettronici, le stime in rialzo.

Un recente indagine di Human Highway, Net Retail – Il ruolo del digitale negli acquisti degli Italiani, ha evidenziato come un’esperienza d’acquisto online positiva e soddisfacente possa generare un passaparola virale in grado di invogliare nuovi potenziali clienti e di ampliare così il numero degli utenti del digital shopping.

A determinare la crescita, secondo i ricercatori, sono la crescita strutturale sul web dei club online, dei siti di couponing, di alcune grandi Dot.com e di alcuni retailer tradizionali.

L’importanza del passaparola digitale, poi, nell’epoca dei social network è ovviamente sotto gli occhi di tutti, per questo ogni store online ha bisogno di cercare i migliori canali per promuovere i propri prodotti, senza trascurare la soddisfazione del cliente, l’unico vero dato rilevante per determinare il prossimo click.

I siti di couponing come Sconti.com, che da oggi può vantare anche una bella partnership con Focus, possono quindi determinare il successo in termini di visite e di apprezzamento del marchio presso gli utenti-consumatori, per gli eCommerce in questo periodo di crescita a tre cifre.

La stessa partnership può essere utile a rafforzare la serenità dell’utente più guardingo e sospettoso rispetto a sconti e coupon, dato che la firma di una rivista conosciuta e riconosciuta come punto di riferimento in ambito scientifico, è un elemento rassicurante, che anche le aziende non dovrebbero trascurare nella scelta delle proprie strategie web.

Perché il coupon è utile all’utente-consumatore ma anche all’azienda

Il dato oggettivo oggi è che una consistente massa di clienti si è spostata dal mondo reale a quello digitale, anche grazie alla recente grandissima diffusione degli smartphone, come dimostrato dall’ultima Digital Agenda Scoreboard della commissione europea.

Tantissimi servizi e prodotti sono ormai a portata di dito e hanno reso disponibili offerte vantaggiose in particolare attraverso questo genere di aggregatori di sconti online.

Portali come Sconti.com, infatti, non vendono coupon come i più comuni siti di flash deals, ma catalogano coupon e codici sconto rimandando direttamente al sito del venditore. Questo meccanismo aiuta il cliente a reperire in modo semplice le offerte più convenienti, ordinandole per categoria, ma fornisce un riscontro reale e immediato in termini di visite e conversione anche al merchant, dato che l’acquisto finale avviene sempre sul sito.

Se il commercio sta cambiando, anche i consumatori si sono trasformati, più attenti, più disponibili all’acquisto in rete rispetto a pochissimi anni fa, ma soprattutto più pronti al confronto tra loro, alla ricerca costante del coupon capace di rendere la loro esperienza d’acquisto gratificante sotto ogni punto di vista.