PA e app: le soluzioni più innovative dal mondo delle startup italiane

Alcuni tra i progetti premiati per una Pubblica Amministrazione italiana sempre più smart

Siete consumatori, siete utenti ma prima di tutto siete membri di una collettività e in quanto tali ne vedete pregi e difetti, soprattutto i secondi. Ma cosa succede quando idee brillanti incontrano la PA? Avviene che le ricadute positive coinvolgono tutti perché sorgono da bisogni, domande e limiti che ognuno sperimenta quotidianamente.

Ecco allora alcuni tra le proposte tutte italiane, premiate il 26 maggio, al FORUM PA Call4ideas 2015: un’iniziativa promossa da FORUM PA in collaborazione con PoliHub – l’incubatore del Politecnico di Milano e Camera di Commercio Roma, per supportare nel loro sviluppo le idee più interessanti per la transizione della Pubblica Amministrazione italiana al digitale.

Park Smart, il parcheggio in un istante


Passeggiate in centro, uscite al parco, aperitivi con gli amici: non importa dove andiate e cosa facciate, prima o poi, se vi muovete in macchina, il problema sorge a tutti: il parcheggio.
Tentativi su tentativi, giri a vuoto e intanto, mentre vi domandate “chi me lo ha fatto fare?!”, lo stress continua ad accumularsi.

Si pensi che, in media, trascorriamo circa un anno della nostra vita a cercare parcheggio, vi sembra normale?
In realtà non è che i parcheggi non esistano, è che non sapete dove sono e quindi vi ritrovate ad andare in esplorazione senza sapere con certezza se e dopo quanto tempo troverete “il tesoro”.


Park Smart si offre come soluzione al problema. La app sfrutta le telecamere, già presenti in molti luoghi di parcheggio, che riprendono l’area e controllano effettivamente quanti posti liberi sono presenti in quella zona. Le informazioni passano ad una centrale operativa che analizza il flusso video e restituisce una matrice contenente il numero di posti liberi ed occupati.

Questo tipo di informazione viene resa disponibile nella app e a beneficiarne potrebbero essere in molti: gli utenti, che andrebbero dritti al parcheggio disponibile guadagnando tempo e risparmiando carburante; le società di parcheggio, che aumenterebbero i loro clienti migliorando la gestione del servizio che offrono; e certamente l’ambiente, che diventerebbe più sano e pulito con meno emissioni da tubo di scappamento.

La versione beta è già pronta e funzionante.

Junker, facilita la raccolta differenziata

Voi, lo scarto dal quale vi dovete liberare e una miriade di bidoni nei quali gettare i rifiuti: “Questo dove va?!” e vi ritrovate a manipolare questo oggetto come se fosse il cubo di Rubik, alla ricerca di istruzioni su come comportarsi nella fase di smaltimento.

Spesso, per questioni di tempo e ritmi frenetici, il rifiuto va a finire nella raccolta indifferenziata “Meglio non sbagliare”, qualcuno penserà; ma se comportamenti del genere avvengono troppo spesso, quando si beneficerà a pieno dei risultati provenienti dalla raccolta differenziata?

Junker tenta proprio di venire in soccorso quando si tratta di differenziare i rifiuti e svolge una serie di interessanti funzioni. Prima fra tutte, Junker geolocalizza e, individuando la posizione, restituisce lo schema di smaltimento del Comune di riferimento, mostrando i punti e il calendario di raccolta. Inoltre, scansiona il codice a barre e riconosce il prodotto che dovete smaltire all’interno di un database di oltre 400 mila prodotti.

Non solo! Junker scompone il prodotto, interroga il suo database e vi informa sui materiali dai quali è composto il prodotto da smaltire e in quale bidone dovete gettarlo.
Inoltre, se il prodotto non è stato ancora inserito nel database è possibile segnalarlo e ricevere in pochi minuti una notifica con le info di smaltimento. Infatti, nel caso in cui si viva in una zona che non ha adottato Junker è possibile usufruire comunque di importanti informazioni sulla composizione dei prodotti e regolarvi sulla base delle regole dello smaltimento nella vostra area.

Per usufruire di Junker è possibile accedere al Play Store e all’App Store e scaricarla gratuitamente.

ComunicaCity, il tuo comune in una app


Comunicare con i propri cittadini non è mai stato così semplice! In questo progetto tutte le informazioni del comune di interesse raggiungono il cittadino in un’app. Comunicati, allerte, eventi, news e avvisi: tutto in tempo reale e comodamente sul proprio smartphone. Pensate a cambiamenti d’orario negli uffici, alle novità dei sistemi di raccolta differenziata ad esempio.

Determinati mutamenti in questo contesto condizionano molto la vita e le nostre azioni di cittadini ed esserne subito al corrente permetterebbe di essere reattivi, senza sprechi di tempo o tentativi inutili. Ai fini di una corretta gestione della “cosa pubblica” e di un clima collaborativo, la comunicazione con la collettività è sicuramente tra i primi posti per il raggiungimento di buoni risultati.

Proprio per questo, in realtà, tutte le informazioni sono in cloud e quindi sempre e comunque consultabili da qualsiasi dispositivo collegato ad intenet. Ogni volta che viene pubblicata una news sarete avvertiti con una notifica push e saranno sempre notizie certe e valide poiché soltanto gli amministratori e i responsabili dell’ente possono pubblicare gli aggiornamenti.

Con ComunicaCity l’utente può seguire tutti gli enti che desidera in una sola app, questo è il contributo più innovativo, che si offre come servizio gratuito per gli utenti finali, mentre prevede un canone annuale per gli enti che vogliono adottarlo.

L’app è disponibile gratuitamente su App Store, WindowsPhone Store e su Google Play.

OpenMove, il biglietto che ti fa guadagnare

Evitare file e avere sempre il miglior prezzo sul mercato? Succede con OpenMove, l’app che permette di pagare biglietti del treno, del parcheggio e degli autobus direttamente da smartphone con uno sconto tra il 10% e il 30% rispetto al cartaceo.

Ma l’apparente comodità di usufruire di un servizio simile non si esaurisce solo in quanto espresso. Esiste una rete di negozianti che propone delle offerte in prossimità della zona in cui ci si trova e presentandosi come utenti di OpenMove e inquadrando con lo smartphone il QR Code in cassa, si guadagna un credito bonus spendibile per l’acquisto di biglietti. Così avviene che la corsa dell’autobus di oggi ve la siete guadagnata acquistando un pacco di biscotti e un litro di latte nel negozio partner.

Non sono previste notifiche ad avvertire delle varie offerte nelle vicinanze, tutte le info sulle occasioni da non perdere per spendere e guadagnare credito sono accessibili dalla schermata Start dell’app.

Un progetto che ancora una volta pensa alla collettività, in cui a guadagnarci sono numerosi attori: il cittadino, i negozianti, le aziende della mobilità poiché, sebbene i servizi offerti sui mezzi di trasporto non rispecchino le promesse, un guadagno c’è comunque e a viaggiare senza biglietto potrebbe diventare più oneroso!

Interessante è che il progetto è pensato anche per i gestori del trasporto infatti, grazie alla piattaforma di backoffice, è facile pianificare la mobilità, elaborare statistiche e gestire la contabilità, mentre il personale ha in dotazione un’app dedicata per verificare i biglietti emessi.

Attualmente è scaricabile da App Store e Play Store gratuitamente.



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?