Vuoi conquistare i tuoi follower? Sii sincero!

Alcune aziende hanno tratto vantaggio da uno stile comunicativo aperto e trasparente. Ecco qualche consiglio per seguire il loro esempio

Federica Fattori

Marketing and Communication Specialist

Molto spesso, soprattutto tra i non addetti al lavoro, si associa il marketing a una serie di trucchi e magie per presentare la nostra azienda nella maniera più attraente possibile, senza mai mostrare alcun segno di debolezza. Eppure, nessuno è perfetto e a volte essere trasparenti e sinceri dà i suoi risultati. È questo il modo in cui si conquista la lealtà e la fiducia dei clienti. E soprattutto un vasto seguito.

Se state cercando di generare traffico sul vostro blog e conquistare la fiducia degli utenti questo è una possibile soluzione ai vostri problemi. Essere genuini rafforza l’empatia tra il lettore e blogger, tra consumatore e azienda.

Se ancora non siete convinti ecco qualche esempio che vi farà cambiare idea. Ricordate che tutti i casi che vi stiamo presentando, grazie a un approccio aperto e trasparente, hanno avuto un enorme ritorno sia d’immagine che in termini di traffico e di fidelizzazione.  Quindi perché non pensare di iniziare a condividere un maggior numero d’informazioni con il vostro pubblico?  

LEGGI ANCHE: Vuoi aumentare le tue vendite? E allora smetti di usare queste cinque frasi

#1 Moz

La compagnia di Seattle che vende software di marketing pubblica annualmente i propri dati sui profitti, siano essi positivi o negativi. Nel proprio blog, inoltre, si parla apertamente delle lezioni imparate, degli obiettivi raggiunti e delle aree di miglioramento scoperte durante l’anno.

#2 Groove

Groove è un’azienda che fornisce software per la gestione dei clienti e del teamwork. Anche Groove pubblica mensilmente dati sui profitti ma non si limita a questo. Il blog aziendale genera un traffico considerevole. Gli utenti, che devono iscriversi, ricevono in cambio la condivisione di lezioni e strategie attuate nel viaggio verso i 500$ al mese che Groove vorrebbe raggiungere.

#3 McDonald’s Canada

Vi siete mai chiesti se è vera la storia del pink slime del Mc’Donald’s? E se le french fries siano davvero fatte solo di patate? Con la campagna Our food.Your questions McDonald’s Canada ha deciso di rispondere alle domande degli utenti riguardo a ingredienti, preparazioni e quant’altro. Una scelta azzardata ma vincente. Il rischio del fail c’era. Ma solo con la sincerità e la trasparenza si possono combattere le critiche più dure.

#4 Buffer

Buffer è un’applicazione usata per programmare contenuti sui social media. Quando nell’ottobre 2013  ne è stato attaccato sistema di sicurezza l”azienda, invece di incolpare un anonimo hacker, ha prontamente diffuso la notizia su tutti i canali a propria disposizione, scusandosi con gli utenti per l’inconveniente. Inoltre alla fine del 2013 l’azienda in un post ha reso pubblici gli stipendi dei propri dipendenti.

Forse penserete che la concorrenza possa utilizzare i dati che condividete a proprio vantaggio. Questo non è il caso. Se avete un blog, rendere pubblici i dati sul numero di utenti raggiunti, in che modo può agevolare i vostri competitor? Anzi, condividendo traguardi e obiettivi creerete coinvolgimento con chi vi legge.

Se è vero che la rete è condivisione, l’unica scelta che avete per vincere è mettervi in gioco.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?