Vittima degli eventi, storia e successo del fan movie su Dylan Dog [INTERVISTA]

Intervista a Valerio Di Benedetto, il Dylan Dog di "Vittima degli eventi", fan movie firmato da volti noti del web italiano.

vittima degli eventi

Vittima degli eventi è un web film ispirato a Dylan Dog e distribuito su YouTube. Tra i suoi creatori ci sono nomi di alcuni tra i più talentuosi, seguiti ed apprezzati vlogger e videomaker del tubo italiano: a sceneggiare il film è stato infatti Luca Vecchi (The Pills), a dirigerlo Claudio Di Biagio (Non aprite questo tubo), il tutto in collaborazione con The Jackal.

Abbiamo intervistato per voi Valerio Di Benedetto, l’attore che ha vestito i panni dell’investigatore privato più intrigante del mondo dei fumetti in “Vittima degli eventi“.

Si chiama “Vittima degli eventi”, molti per fare prima lo chiamano direttamente “Il film su Dylan Dog”; ma cos’è in realtà questo progetto di cui si è parlato a lungo e che ha fatto impazzire il web?

È un mediometraggio dalla durata di 50 minuti, scritto e diretto da professionisti come Claudio Di Biagio (della famiglia Freaks!) e Luca Vecchi (dalla famiglia dei The Pills), si autodefinisce Film NOprofit perché è un prodotto nato dal  crowdfunding ed è riuscito a prendere vita grazie al contributo economico dei suoi fan.

In Italia ha stupito tutti perché questo prodotto ha per l’ennesima volta aperto il discorso web VS grande schermo, e di quanta professionalità viva tra le giovani leve internettiane. Infatti oltre a Di Biagio e Vecchi nella produzione ci sono anche i The Jackal, perchè si sa, l’unione fa la forza!

E la fiducia dei fan verso questi volti noti del web e alla loro capacità creativa e di produzione ha permesso di realizzare quello che prima in Italia era un miraggio, ottenere soldi dal crowdfunding e realizzare il proprio progetto. Un metodo che  oltreoceano ormai sta diventando una prassi per sviluppare idee di giovani che non hanno fondi per realizzarle, qui in Italia forse questo sta per arrivare e Vittima degli eventi potrebbe essere stato l’ariete che ha sfondato un portone ben serrato fino a poco tempo fa.

Oggi vediamo come la televisione stia iniziando ad accettare crew e prodotti nati su Youtube perché capaci di linguaggi innovativi che arrivano ad un pubblico sempre più esigente; i produttori di Vittima degli eventi, i The Jackal, partecipano a un programma televisivo e Milano Underground, vincitore del Roma Web Fest, è arrivato in chiaro.

dylan dog youtube

Siete considerati “quelli che ce l’hanno fatta”. Nati su Youtube, continuate a viverci ma siete lo stesso arrivati al grande pubblico; qual è stata la chiave del vostro successo?

Credo che il successo, se così lo si vuol chiamare, sia figlio di una professionalità mischiata alla passione e alla voglia di fare. Non mi sento affatto uno di “quelli che ce l’hanno fatta”, perché essere conosciuti dal grande pubblico non è direttamente proporzionale a un ritorno economico, ma spesso, specie in questo periodo storico è il contrario. E siamo perciò costretti a fare altro per poter vivere! Il mio “altro” è sempre in ambito recitativo e di questo sono contento e posso considerarmi “uno di quelli che ha fatto della sua passione il suo lavoro!”

Nel 2010 Kevin Munroe ha tentato di portare al cinema Dylan Dog senza successo. Pensi che i tempi non fossero maturi, che il pubblico sia più pronto ora di 4 anni fa per un progetto dedicato al noir?

Non penso sia una questione di tempi, maturi o non, perché il genere noir è sempre esistito, e Dylan Dog è sulla scena da molto tempo. Il film americano non rispecchia quei canoni che sono specifici del prodotto Bonelli, e che non appartengono alla loro cultura! La loro visione dell’eroe è chiara e netta: alto, grosso e muscoloso. Dylan è più un antieroe.

I progetti per cui hai lavorato (come Spaghetti Story) sono il risultato di quello in cui molti credono, ovvero che il passaparola sia la migliore pubblicità per il successo.

“Successo” è una parola che mi stride molto ma se proprio la vogliamo usare… I progetti che hanno successo sono quelli che hanno un’idea alla base. Se poi si è onesti col pubblico senza millantare cose che nel film non vedranno, cosa che succede spesso in molte promozioni, allora il pubblico apprezza e ripaga spargendo la voce.

vittima degli eventi dylan dog

Youtube è il futuro di Vittima degli eventi?

Vittima degli eventi è, e rimarrà su Youtube. Non so se ci sarà un futuro diverso, per ora noi ci concentriamo sul presente.

In attesa della seconda parte (incrociamo le dita!) ecco a voi il film! Buona visione!