12 cose che ho imparato a La Battaglia delle Idee

foto di @killermedia

Come probabilmente saprete, abbiamo trascorso il weekend a Salerno per La Battaglia delle Idee, l’evento targato Ninja Marketing dedicato ad innovatori e startupper.

Tra i relatori che si sono alternati nella sala Academy e sul palco del Teatro Ghirelli, gli ospiti presenti e i rappresentanti delle aziende partner, ho imparato tantissime cose! Ne ho scelte 12 da condividere con voi, enjoy!

A La Battaglia delle Idee ho imparato che...

#1 Enrico Quaroni è il Ninja delle presentazioni.

E vi giuro che ho anche capito cosa fa davvero Rocket Fuel.

#2 Le donne portano innovazione ovunque vadano.

Alice Soru ne è un esempio.

#3 Bisogna portare più rispetto ai Social Media Manager, fanno un lavoro serio loro!

Fatevelo spiegare da Filippo Giotto.

#4 Restare al Sud e fare qualcosa è decisamente meglio di lamentarsi del Sud e non fare nulla.

Gli innovatori di cui ha parlato Roberto Zarriello ne sono un esempio.

#5 C’è qualcuno che sente il bisogno di inviare messaggi sui social media dopo la sua morte.

E intanto uno startupper ci guadagna.

#6 Kris Grove era il mio mito quando ero una teenager e lo sarà sempre.

“Take care and bye bye!”

#7 Giuria popolare e giuria tecnica sono sempre in disaccordo.

Come a Sanremo.

Giuria popolare

Giuria tecnica

#8 Ringraziare fa bene alla salute.

E agli affari, se fai parte di Ethanks.

#9 Abbiamo tutti trascorso ore e ore a giocare a Candy Crush Saga.

Perché qualcuno sa proprio bene come creare un’app addictive.

#10 C’è gente che da Milano si è trasferita a Salerno.

Sì, era capace di intendere e di volere.

Mirko Pallera, signore e signori

#11 Francesco Paura è un nerd

E la sua migliore rima è Hardcore, Alcool, Al Gore.

#12 Dove c’è Ninja, c’è casa!