La Battaglia delle Idee: i consigli della startupper Emanuela Zaccone [INTERVISTA]

Come tenere duro e puntare al milione: i consigli di una startupper ai futuri imprenditori!

Massimo Sommella

Editor & Project Manager Ninja Marketing

Oggi abbiamo il piacere di chiacchierare con la ninja geek Emanuela Zaccone – co-founder di AIDA Monitoring e di TOK.tv, la società che sviluppa una serie di app per dispositivi mobili che consentono una fruizione live&social di eventi televisivi come ad esempio, gli attuali Mondiali del Brasile. TOK.tv è esempio di start-up di successo che proprio in questi giorni ha ricevuto un investimento da parte di Italian Angels for Growth (Iag) che assieme ad altri investitori americani contribuisce ad un’iniezione totale di 820mila dollari.

Con Emanuela anticipiamo alcune delle tematiche che affronterà nel suo speech “Keep calm and scale: come tenere duro e puntare al milione” programmato per sabato 5 luglio alla #BattleSA.

Se vuoi partecipare all’evento, prenota il tuo ticket gratuito qui!

Quali sono i fattori critici di successo su cui impostare le strategie di traction?

Dipende dal business e dal tipo di prodotto di riferimento. Il “one size fits all” secondo me non funziona.

Avere degli obiettivi chiari e dimostrare di poterli raggiungere è la sola misura che conti perché è quella su cui si basa la costruzione del business plan ed è quella su cui è possibile misurare il grado di avanzamento della startup.

Sembra scontato ma non lo è affatto: provate a rispondere alla domanda “qual è la metrica più importante per convincere qualcuno ad investire sulla mia startup?”.

Un tuo giudizio sul panorama VC italiano.

Intanto smetterei di comparare Italia-Silicon Valley. La comparazione serve quando ispira, poi bisogna trovare la propria strada.

Che passa anche dall’educazione di tutti i soggetti coinvolti e dall’assestamento (non dalla staticità ma dalla ricerca di un giusto equilibrio) dell’ecosistema. Ecco, io credo che per certi versi in Italia il panorama si stia ancora assestando ed è probabile che il risultato sia diverso dalle aspettative. Mi piace esser ottimista.

Può davvero uno startupper riuscire a mantenere la calma?

Deve. Ma senza perdere l’entusiasmo.
La lucidità è essenziale in una startup perché permette di prendere decisioni critiche – e ne va spesso il futuro della startup stessa – in modo consapevole.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?