La sdraio dell'Agnello: "Social Naffing"

Confessioni di un (ex?) pubblicitario. Segui la Sdraio per conoscere un punto di vista diverso e privilegiato su cosa accade di bello e di brutto nelle agenzie di pubblicità. In Italia e nel mondo.

Partiamo dal presupposto che sto scrivendo da una cabina di una barca a vela e che del social e delle innovazioni e dei premi e di Cannes, guarda davvero lasciatemi perdere. Tuttavia, tuttavia, tuttavia.
Vorrei fare un elogio al social come meccanismo, come entità, come utilità.
Non me ne frega una mazza dei social media manager usciti dallo ied, bocconi, accademie vare, delle loro hogan o mocassini carshoe, dei genietti che vogliono cercare la big idea socialmedia-yeah per far fare quel milioncino in più alla Ferrero dell’occasione o al mozzarellificio in provincia di Latina. Loro possono continuare a vendere fumo ai marketing manager di tutto il santo globo.
Il premio va dato a Vice magazine che ha inviato un cristiano a fare un video per denunciare i cecchini durante la rivolta di Kiev, ai ragazzi Venezuelani che dalla piazza postano gli amici impallinati dalla polizia di stato.
Il premio va a chi twitta che lo stanno caricando e gli stanno sparando i lacrimogeni in bocca.
Troppe volte le innovazioni di comunicazione vengono canalizzate per vendere noccioline o biscottini. Il che va benissimo.
E va anche benissimo che poi le innovazioni vadano in trend. E prima erano i radio al vetriolo, poi gli spot con il nonsense, poi i viral (come se uno potesse farli davvero i viral con l’intento di farli viral), poi le campagne social dici a un amico che sono bello così ti prendo i dati dal profilo e ti arrivo a dire come ingrandirti il pene comprando le mie merendine buone al polistirolo.
Quindi questo bel premio io lo farei consegnare a uno studente tutto insozzato da uno dei grandi guru del social su una montagna di pneumatici bruciati in Ucraina.
And the winner is…
Nessuno.
The winner is quella ragazza che ha twittato “muoio” e poi ci ha detto “ah, no aspetta no, tutto apposto“.
Con tutto che potrebbero essere rivoluzioni pilotate, giochi di potere, spindoctors, massoni, alieni, Walt Disney, e chi più ne ha più ne metta, noi ci siamo dentro mentre ci vibra il cellulare anche se stiamo prendendo un caffè al bar del corso.

Ora scusate, devo andare ho appena avuto una notifica su Tinder. Stasera si fa.
Statemi benissimo. #socialnothing.

 

[yframe url=’http://www.youtube.com/watch?v=KE8S3493u9g’]