Women’s Circle 2013, i social network contro la povertà

Patti Smith, un social media team d'eccezione, tanti ospiti e le oltre 150 donne italiane che hanno fatto circolo per sostenere altre donne riuniti per una serata-evento di raccolta fondi

Il 5 dicembre al Palazzo del Ghiaccio di Milano si terrà il Women’s Circle 2013, una serata-evento di raccolta fondi a favore delle donne che in tante parti del mondo vivono ancora escluse dalla vita economica, sociale e politica del proprio paese, organizzata da Oxfam Italia.

The Circle è un Movimento di Donne per le Donne, che si propone di aiutare le donne che vivono in condizioni disagiate in ogni parte del mondo, ad uscire dalle condizioni di ingiustizia che ne determinano la povertà.

Siamo convinti che riconoscere i diritti delle donne e promuoverne l’accesso a risorse quali la terra, l’istruzione, il credito, rappresenti un passo essenziale per lo sviluppo di ogni paese e comunità, in ogni parte del mondo.

In due anni di attività abbiamo allargato il cerchio delle donne che con generosità  ci sostengono in ogni parte d’Italia, hanno dato vita a eventi e iniziative, nei settori dell’arte, della moda, della medicina, dello sport, dello spettacolo. Ringrazio di cuore tutte le donne che con passione hanno messo a servizio di Oxfam tempo, energia e professionalità, GRAZIE.” – dichiarazione di Maurizia Iachino, presidente di Oxfam Italia

Per l’occasione – oltre al concerto privato di Patti Smith– Oxfam Italia e Amplr hanno selezionato un social media team di qualità: 10 blogger attivi sulla rete che racconteranno su Twitter, Facebook, Google+ e Instagram l’evento, facendo così vivere l’evento attraverso le loro parole, le loro foto e i loro video anche a chi non potrà essere presente. L’hashtag ufficiale #WomenCircle13 farà da filo conduttore su tutti i social network.

Di seguito vi elenchiamo i membri del social media team che potrete seguire live il 5 dicembre dalle ore 19.30:

Se volete anche voi dare il vostro contributo al Women’s Circle 2013 vi invitiamo a fare una donazione sul sito di Oxfam Italia.