Foursquare: perché facciamo check-in? La geolocalizzazione (per gli utenti e per le aziende) spiegata da Diego Orzalesi [INTERVISTA]

Il potenziale della Geolocalizzazione spiegato da Diego Orzalesi, ospite del Corso Online in Mobile Marketing.

Mobile Marketing

Check-in, mayorship, venue, badge, tips: queste le parole chiave della geolocalization e, in particolare, di Foursquare, social network dedicato alla condivisione della propria posizione, disponibile su mobile e su web. 

C’è chi sostiene stia attraversando una fase d’arresto per la continua diffusione di applicazioni simili che ne riprendono funzionalità e stile, ma i dati parlano chiaro: (più di) 20 milioni sono gli utenti registrati, (più di) 2 miliardi sono i check-in effettuati, (più di) 750.000 aziende lo utilizzano per contribuire all’eco del proprio Brand

Ma in che modo è possibile sfruttarne il potenziale? Quali sono i consigli per utilizzarlo al meglio per il proprio business?

Da grande Foursquare Lover quale sono, ho avuto il piacere di confrontarmi con Diego Orzalesi, CEO di Fritumuv e SuperUser Foursquare, che interverrà durante il prossimo Corso Online di Ninja Academy dedicato al Mobile Marketing

(PS. Oggi è l’ultimo giorno di Sconto Early Booking, approfittatene!)

Ninja Academy

Perché facciamo check-in? Cosa vogliamo comunicare? La mia curiosità si è spostata anche su una prospettiva più prettamente sociologica e ho scoperto che.. 

Diego Orzalesi

Ciao Diego. All’interno del Corso Online in Mobile Marketing ci sarà un tuo prezioso intervento. Cosa impareranno i partecipanti?

Grazie per il prezioso :) Faremo un Foursquare Tour focalizzando l’attenzione sia sull’utilizzo lato utente (funzionalità dell’App e del website) che sugli aspetti legati alla presenza aziendale.

Vedremo quali sono le forme dedicate ai local business e ai brand di dimensioni maggiori. Scopriremo come ottimizzare un luogo (venue) una volta reclamata la proprietà e come utilizzare al meglio le potenzialità della piattaforma a livello commerciale, monitorandone i ritorni.

C’è chi lo reputa ormai sorpassato e chi invece lo scopre solo ora. Qual è la forza di Foursquare?

Lo ritengo uno strumento interessante da inserire in un piano bilanciato di presenza Social, specie in ottica Mobile come in questo caso. Utilizzato da solo credo abbia poco senso, ma in una strategia di Marketing Mix dà un tocco di colore e giocosità che a mio avviso non guasta affatto. Io lo uso spesso per indagare cosa ci sia nei dintorni, specie in località che non conosco molto, seguendo i consigli lasciati da persone con le quali sono in contatto, sul web o nella vita reale.

Essendo un social comunque di nicchia, gli utenti in genere sono discretamente attivi e hanno cerchie sociali abbastanza sviluppate, quindi la singola registrazione in un luogo (check-in), se condivisa, ha una buona diffusione online, contribuendo al branding aziendale. Curare la propria presenza su Foursquare necessita di poco tempo e poche risorse da allocare. Mi piace molto anche come strumento di valorizzazione territoriale, vedremo questo aspetto in maniera specifica.

Sappiamo che sei un SuperUser! Ma chi si cela dietro questo appellativo?

Noi SuperUsers (@It4sqSU su Twitter) siamo gli utenti più attivi e appassionati di Foursquare: abbiamo il compito di tenere ordinati i “luoghi” sul social network allo scopo di garantire la migliore esperienza di utilizzo agli utenti. Possiamo editare i luoghi (ad esempio possiamo modificarne nome, posizione e categoria, accorpare quelli duplicati e chiudere i fasulli) dei quali definiamo e applichiamo le regole di naming nel rispetto delle guidelines di Foursquare.

Ad esempio, una volta decisa quale sia la corretta formattazione delle stazioni ferroviarie, ciascuno le ottimizza e riorganizza per competenza territoriale o altra metodologia decisa in community. Inoltre controlliamo che gli utenti e le marche utilizzino Foursquare in maniera etica e conforme alla policy

Foursquare Brand Pages: qual è il potenziale per le aziende?

Le Brand Pages sono la forma di presenza dedicata in genere a brand di ampie dimensioni, ma non solo. Permettono di inserire in un’unica o più liste luoghi collegati in qualche modo alla filosofia aziendale, che li reinterpreta attraverso i tips (consigli). Così, ad esempio, un brand di abbigliamento sportivo potrebbe listare luoghi dove si pratica sport fornendo consigli specifici caso per caso, che vengono visualizzati dagli utenti che seguono la pagina.

Sono un ottimo strumento che le aziende hanno per lasciare segnali geolocalizzati che contribuiscono al loro branding, sempre a mio avviso all’interno di una strategia di più ampio respiro.

Perché sentiamo l’esigenza di fare check-in? Cosa vogliamo comunicare a chi ci segue?

I luoghi che frequentiamo fanno parte di noi, della nostra vita di ogni giorno. Le registrazioni degli utenti aiutano a dare un’identità al luogo stesso. Noto una voglia e un’attitudine sempre maggiore alla condivisione di qualsiasi tipo di informazione, non ultima la posizione.

Conosco persone che fanno check-in solo in posti che ritengono fighi, per dare un’immagine di sé di un certo tipo, altri che si registrano dovunque solo per dire: hey, se mi volete sono qui. Altri ancora per rincorrere lo sblocco di un badge o l’acquisizione di una mayorship (il “sindaco” di un posto su Foursquare è la persona che lo frequenta più assiduamente). A ciascuno il suo, insomma.

Mobile 2013: quali saranno i nuovi trend? Su cosa dovrebbero puntare le aziende?

Forse ti direi applicazioni di Realtà Aumentata, ma su questo mi rimetto alla competenza di Mauro Rubin. A mio avviso le aziende dovrebbero semplicemente puntare ad avere una presenza bilanciata e congrua (sconosciuta alla maggior parte delle realtà) partendo da un website responsive adatto alla navigazione da dispositivi mobile e da un’attenzione al modo attuale di fruire il web, specie da parte dei nativi digitali, web on the go, attraverso gli smarthphone o i tablet.

Niente di trascendentale quindi, spesso mi sembra manchi una corretta impostazione di base e credo sia il caso di partire da qui, ma per questo ci sono i corsi di Ninja Academy 😉

•••

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO
E APPROFITTA DELLO SCONTO EARLY BOOKING!

ENTRO OGGI il costo dell’intero corso è di 199 € (anziché 249 €).

Mobile Marketing

Knowledge for change.
Be Ninja!

Mobile Marketing