Gruppi LinkedIn: 7 consigli per trasformarli in leve strategiche

7 consigli su come utilizzare al meglio i gruppi LinkedIn per il company e personal brand

LinkedIn ormai lo conosciamo molto bene tutti. E ultimamente ve ne abbiamo parlato spesso: dai consigli di personal branding 2.0 ai tip dedicati alle aziende, arrivando ai trucchi per sfruttarlo al meglio.

Il sito di business social networking più famoso al mondo sta crescendo (e piacendo) sempre di più: non potevamo fare altro che dedicare un articolo all’utilizzo efficace dei gruppi 😉

Nel suo manuale “Social Media ROI“, anche Vincenzo Cosenza parla della grande possibilità che questi possono offrire: ce ne sono per tutte le professioni e di tutte le dimensioni, impossibile che non troviate quello che fa al caso vostro!

Proprio dal blog di LinkedIn leggiamo un bel guest post scritto da Anum Hussain di Hubspot, contenente 7 consigli utilissimi ai marketer su come sfruttare i gruppi per i propri obiettivi di company e personal branding. Enjoy!

#1 Iscrivetevi ai gruppi pertinenti con il vostro settore

Qui siamo sull’ABC 😉 Una rapida ricerca vi permetterà di capire quali gruppi sono più interessanti. Lo ripetiamo, è quasi impossibile che non esistano spazi dedicati a quello che fate o di cui vi interessate. E in tal caso potete sempre aprirlo voi, seguendo alcune regole d’oro di Hubspot: il gruppo deve riguardare il settore e non la vostra azienda, il nome deve essere appealing e facilmente trovabile, il logo va curato alla perfezione come grafica e misure e occorre inserire il link al gruppo dalla homepage del vostro sito.

#2 Diventate top influencer

Molte persone, una volta iscritte al gruppo, cominciano a postare contenuti proprio a non finire, quasi mai interessanti. Qual è il valore di un simile approccio? Nullo! Per diventare veri influencer serve ben altro: occorre iniziare discussioni che portino valore al gruppo stesso, idee e conoscenza.

#3 Fate domande

Per dare un’ulteriore prova che avete aderito a un gruppo non per spammare ma per creare valore, potete creare e diffondere una piccola inchiesta!

#4 Iniziate una discussione

Dialogate, dialogate, dialogate! La domanda o il pensiero iniziale deve essere breve, completo e interessante. Aggiungete anche il link al vostro blog, sito o altra piattaforma che può contenere spunti interessanti legati al topic.

#5 Condividete i contenuti attraverso gli altri social network

Una volta creati contenuti (poll, discussioni, interi gruppi etc.) che pensate possano interessare anche altri nodi del vostro network, condivideteli! Usate Twitter, Facebook o perfino lo stesso profilo personale LinkedIn per aumentare lo share e il reach.

#6 Misurate i risultati

Ogni azione sui social media è misurabile, ‘basta’ impostare i giusti KPI legati agli obiettivi iniziali. Con bitly.com, per esempio, potete tracciare i link e vedere qual è il buzz dei contenuti condivisi.

#7 Ripetete

Non accontentatevi dell’effetto iniziale della vostra azione, ma se il tema vi interessa riproponetelo in altri modi e verso altri utenti. Ne aumenterete sicuramente la diffusione!

Conclusioni

Vi abbiamo riportato 7 consigli che ci sembrava molto utile condividere e riportare, per un utilizzo di LinkedIn ancora più efficace grazie alla leva dei gruppi. E voi, come li usate? Ma soprattutto, siete iscritti al nostro gruppo Ninja? In caso negativo, fatelo subito! :-)

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?