L'Italia si sveglia sognando l'hashtag #italianrevolution

Martha Burns
Martha Burns

Editor at large

Sono queste le parole scritte dalla blogger italiana Nadia Plasti in  risposta al giornalista spagnolo Henrique Mariño su Twitter. Parole tradotte dallo spagnolo perché #italianrevolution questa mattina alle 9 è TT in Spagna… non in Italia.

Le proteste pacifiche spagnole, iniziate il 15 maggio, 4 giorni prima delle elezioni amministrative spagnole, contagiano gli spagnoli in Italia e con loro gli italiani. Sebbene in Spagna le autorità abbiano cercato spesso con successo di sgombrare le piazze, la protesta resta inarrestabile su Twitter e su Facebook.

Per quanto mi riguarda posso testimoniare che ieri, di ritorno da Napoli, il pullman che porta dall’aeroporto a Plaça Catalunya ci ha lasciati tra Rambla Catalunya e la Gran Via, perché le autorità avevano chiuso la piazza ma al centro della piazza, che ho attraversato tranquillamente senza capire nemmeno cosa stesse accadendo, la situazione era realmente pacifica e la gente era poca.

Pare che questa notte sia successo qualcosa che ha mosso le coscienze degli italiani e degli spagnoli, pronti a promuovere una manifestazione pacifica, senza partiti né sindacati per far sentire la propria indignazione. E’ ciò che si evince dall’evento creato su Facebook:

E dal blog degli Anonymous Italy:

Ecco la mappa dell’Italian Revolution:

Questo è solo l’inizio, non si sa ancora bene di cosa. Potete seguire l’andamento dell’hashtag #italianrevolution anche qui:

Sebbene noi di Ninja Marketing parliamo spesso del ruolo dei social media nell’ambito del marketing, è importante sottolineare che non si tratta solo di questo. Eventi come quello che sta accadendo in queste ore pongono l’attenzione sul fatto che strumenti come Facebook e Twitter stanno cambiando in primis il modo di relazionarci con gli altri e di organizzarci in nome di un interesse comune. Come dire che i social media sono di per sé una rivoluzione, che, come tutte le rivoluzioni, possiamo ignorare o scegliere di prenderne parte.

Scritto da

Martha Burns

Editor at large

Mi chiamo Martha con l’h per via della mia bisnonna americana e non per la mancanza di buon gusto da parte dei miei genitori. Vivo a Londra. Scrivo - di tutto - e, quando ... continua

Condividi questo articolo


Segui Martha Burns su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it