Politica 2.0: Mappa o territorio?

Politica 2.0: Mappa o territorio?

Il web 2.0 ha favorito il processo di democratizzazione della politica, agevolato la circolazione di idee ed opinioni, reso accessibile il confronto libero e diretto e la partecipazione più o meno attiva alla vita comunitaria, in misura largamente maggiore rispetto a quanto abbiano fatto prima le sedi di partito o i comizi di piazza.

La politica 2.0 è social e si fa network.

Diviene un mercato all’interno del quale la moneta di scambio è la comunicazione.

E così può capitare di vedere realizzato l’inimmaginabile: mobilitazione delle masse, mozioni di sfiducia popolare contro le classi dirigenti, insurrezioni e manifestazioni.

Il V-day di Beppe Grillo è l’esempio lampante della potenza di Internet nel fare campagna (anti)elettorale al di là degli spazi mediatici tradizionali.

Che sia marketing, politica, antipolitica, opinion making, strumentalizzazione, bagarre o reale presa di coscienza e di posizione poco importa di fronte ai numeri e al seguito di certe iniziative.

E di simili progetti ne nascono ogni giorno di nuovi, tra i circoli degli impegnati, tra le fila di collettivi o nel privato delle abitazioni della gente comune che quotidianamente si confronta e misura con i risultati concreti delle ‘decisioni di palazzo’.

Come Rifiutiamoli! di cui abbiamo ricevuto segnalazione qualche giorno fa.

Rifiutiamoli! è una campagna che «da il via a nuove azioni di rifiuto e di dissenso simbolico verso questa classe politica.

È una chiamata all’azione rivolta alle Menti Creative di questo Paese. Una campagna di comunicazione “generata collettivamente” per dire basta a questa classe politica irresponsabile e fallimentare, che ancora una volta si ripropone al governo del nostro Paese.

È un movimento non violento e creativo, allegro ma determinato, che sfrutta le tecniche della comunicazione e del marketing per diffondere un messaggio di utilità sociale.

Rifiutiamoli! È un diritto e un dovere».

Il simbolo della campagna, una R con un punto esclamativo, è il simbolo che esprime un determinato rifiuto a partecipare passivamente alla farsa delle prossime elezioni.

Rifiutiamoli!,infatti, invinta a organizzare azioni di “guerrilla comunicativa”, per le strade e su Internet, utilizzando mezzi creativi e non-convenzionali (spazi urbani, catene di S. Antonio, video, ritocchi fotografici, mini siti Internet, leggende urbane, ecc.) con l’obiettivo di creare notiziabilità e portare la campagna sui mass media.

Il progetto è opera di una nuova classe creativa, apolitica, apartitica.

Un piccolo manipolo di operatori della comunicazione: creativi, designer, programmatori, artisti, manager, blogger, studenti, collaboratori a progetto, imprenditori di noi stessi. Tutti addetti alla produzione di valore immateriale e simbolico, cittadini italiani stanchi uniti dalla Rete.

Rifiutiamoli! non è politca, nè antipolitica ma un rifiuto creativo e consapevole.

La politica 2.0 non è una mappa.

È territorio.

Scritto da

Roberta Collina

Laureata in Scienze della Comunicazione e specializzata in Comunicazione di Impresa, Roberta Collina comincia a muovere i primi passi nel Web 2.0 ... continua

    Condividi questo articolo


    Segui Korura .

    Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it