Una gallina in casa: da logica ostentativa a contagio sociale!

Nell’UK almeno l’uno per cento delle famiglie possiede una gallina (viva). Il Poultry Club of Great Britain ha visto crescere del 15% in un solo anno il numero dei suoi membri. Nuove associazioni, più moderne e contemporanee, stanno nascendo per catalizzare le comunità di amanti della gallina domestica.

Negli USA le galline stanno diventando l’animale preferito tra gli yuppies urbani e i manager suburbani e il Wall Street Journal ha dichiarato la gallina essere un accessorio indispensabile per una villa che si rispetti.

E in Italia? il fenomeno “gallina” è in larga misura sfuggito ai mass media italiani, che hanno mancato di cogliere una serie di segnali importanti. Le galline, nel mondo, sono davvero diventate di moda: l’attenzione verso questi animali si è fatta molto più forte che in passato, passando da un interesse professionale (allevatori) o consumer (mangiatori di galline) ad un interesse di tipo social-esistenziale, dal momento che inserire di una gallina nel proprio habitat significa soprattutto riappropriarsi del proprio rapporto con un mondo ormai perso. Quello che i cool hunters chiamano Granny Style!

Un gruppo di ex studenti di design dell’Industrial Design al Royal College of Art ha capito che la domanda latente era forte e che l’habitat da sempre riservato per la gallina era in contrasto con gli aspetti pragmatici, estetici e di lifestyle imprescindibili nel nostro tempo. E’ così che tali studenti, identificando il trend socioculturale, hanno ben pensato alla prima cuccia hi-tech per i nostri amici pennuti: si chiama Omlet Eglu ed è diventato l’ultimo grido in materia di accessori per… pennuti!

L’Eglu è un contenitore studiato per essere un comodo e pratico alloggiamento…: design ergonomico (a misura di pollo), area riservata per la cova, con tanto di schermo a protezione della privacy della gallina in fase di deposizione, isolamento termico e pratico sportello di accesso per ritirare l’uovo. Tutto quello che serve a garantire un’ottima permanenza del nostro pennuto.

I quattro giovani hanno fatto della Omlet Eglu un vero e proprio business (la cuccia costa circa 500 euro) basato su motivazioni pragmatiche: la necessità di consumare cibo sano, naturale, fatto in casa offrendo, allo stesso tempo, ai propri bimbi un ritorno alla natura e l’esperienza formativa del rapporto affettivo con un animale da cortile.

Per lanciare il prodotto sul mercato è stato creato un sito web attraverso il quale è possibile scegliere il colore, ottenere materiale informativo, ed ordinare subito la casetta per il nuovo migliore amico dell’uomo!