Sviluppo Sostenibile

Intelligenza Artificiale, tra fantascienza e scelte etiche

Google, Amazon, Facebook, IBM e Microsoft si accordano e il report della Stanford University pone le basi

Marco Fongaro 

Web Marketing Assistant

IA, intelligenza artificiale. Cosa evocano queste due parole? Gli scenari fantascientifici (e spesso catastrofici) presentati da numerose fiction, o più prosaicamente le ultime scoperte in campo tecnologico?

Nel secondo caso l'ultima novità del settore riguarda le voci di corridoio che coinvolgono cinque giganti della Silicon Valley: Alphabet (Google), Amazon, Facebook, IBM e Microsoft hanno avviato degli accordi per stabilire degli standard etici nello sviluppo delle Intelligenze Artificiali.

Uniranno le loro reti dando vita a Skynet? Per ora no.

AI-terminator-ok

Intelligenza Artificiale etica

Più prosaicamente, i cinque big dell'industria tech si sono interrogati sulle conseguenze dello sviluppo delle intelligenze artificiali sul lavoro, i trasporti e l'industria bellica.

I dettagli su come il gruppo industriale intende operare sono ancora secretati, al pari del nome dello stesso. Il Times, attraverso fonti anonime, riferisce che lo scopo principale è "far sì che la ricerca sulle IA si focalizzi sul portare benefici per le persone".

La fantascienza ha creato molte aspettative sulle possibilità delle IA . Negli ultimi anni, tuttavia , il loro sviluppo ha fatto grandi passi avanti. Tra gli esempi più famosi ci sono le Google Car, il bot per Twitter Microsoft Tay, lo speaker multifunzione Echo di Amazon e i recenti test di Zuckerberg per creare un maggiordomo digitale che molti utenti di Facebook hanno già paragonato a Jarvis, l'intelligenza artificiale del supereroe Marvel Iron Man.

LEGGI ANCHE: L’intelligenza artificiale e Mobile: quale futuro è possibile?

IA-jarvis

@thegeekocracy.com

La ricerca della Stanford University

In attesa di ulteriori sviluppi, il report Artificial Intelligence and life in 2030 è sicuramente una lettura propedeutica e autorevole. L'opera è stata redatta dopo due anni di ricerche dalla Stanford University, in collaborazione con i ricercatori Google e Microsoft.

Il documento parte dalla presentazione del progetto e dalla definizione di intelligenza artificiale, analizzandone le implicazioni in vari ambiti: trasporto, casa, salute, educazione, popolazioni disagiate, sicurezza pubblica, impiego e divertimento.

Particolare spazio viene poi dato ai suggerimenti per la regolazione delle IA, rendendo il report prezioso non solo per tecnici e imprenditori, ma anche per i legislatori. L'introduzione alla sezione III, dedicata appunto alle policy, evidenzia che "l'obiettivo delle applicazioni pratiche delle IA deve essere la creazione di valore per la società", che deve essere quindi  diffuso, e non nelle mani di un'élite.

AI-i-robot

No alla guerra

Esplicitamente escluso dalla ricerca è invece l'aspetto bellico, per i quali gli scienziati non escludono uno studio dedicato nel futuro.

La relazione, inoltre, non considera plausibile lo scenario per cui una "singolarità" possa portare le macchine a sviluppare un'autocoscienza ed eventualmente ad attuare comportamenti ostili all'umanità. "È stata una decisione consapevole di non dare credito a questa convinzioni", ha tenuto a precisare Peter Stone, scienziato della Texas University coinvolto nella redazione della ricerca.

Per una partita a Wargames, insomma, c'è tempo.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

L'obiettivo delle applicazioni pratiche delle IA deve essere la creazione di valore per la società - Artificial Intelligence and life in 2030

Scritto da

Marco Fongaro 

Web Marketing Assistant

Relazioni pubbliche, marketing, animazione, eventi, turismo, filosofia, pensiero laterale e webmarketing: cerco di conciliare fare e imparare, azione e contemplazione.

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY