Gli spazi di lavoro di John Lennon, Steve Jobs, Bill Clinton e altri personaggi famosi

Bob Dylan

Bob Dylan, Virgina Woolf, Martin Luther King e Steve Jobs, ogni grande personaggio della storia lo è diventato portando avanti un’idea, nata ed ispirata dalla normale vita di tutti i giorni in luoghi spesso inaspettati..

Uno spazio di lavoro può dire molto, non solo sulle abitudini del suo proprietario, ma anche sulla sua personalità. Le aree di lavoro di personaggi famosi offrono uno scorcio affascinante della loro vita privata, uno spaccato unico del modo in cui pensano e creano.

Non importa se si tratti di uno scrittore, di un politico o di un capitano di industria, chiunque abbia dedicato la vita, con passione, al proprio lavoro o alla propria arte passa più tempo in ufficio che a casa tanto che spesso, per comodità, si finisce per fondere entrambi i luoghi in un unico spazio dove possano convergere tutti gli aspetti della propria esistenza.

John Lennon e Yoko Ono


L’ambiente creativo di John e Yoko rispecchiava in pieno la loro relazione: intima, informale con la luce che penetra le zone d’ombra.

Karl Lagerfeld

Esattamente come ce lo aspettavano. L'ufficio di Unkle Karl non poteva che essere un luogo dove prendere ispirazione e celebrare il proprio lavoro.

Virginia Woolf


Un luogo scarno per permettere alle idee di formarsi e volare lontano, libere, fuori dalle pareti di una casa troppo stretta.

Pablo Picasso


La grandiosità di Pablo Picasso aveva bisogno di spazi ampi, luminosi, impregnati di estatica bellezza proprio come le sue opere.

Steve Jobs


Fino alla fine Steve Jobs non ha mai sfruttato il lusso che avrebbe potuto permettersi per lavorare; le sue idee nascevano dalla necessità, dal ormai leggendario “essere affamato”, e così, per restare concentrato, preferiva il piccolo spazio dell’ufficio di casa ai grandi attici da General Manager.

Martin Luther King

"I Have a Dream" diceva Martin Luther King di fronte a centinaia di migliaia di persone, e per sognare, si sa, non c’è bisogno di null’altro che chiudere gli occhi e immaginare un mondo diverso, magari migliore…..

Bill Clinton

Per mirare in alto bisogna guardare il mondo dall’alto? Chi sa se Bill Clinton, ex presidente della nazione più potente del mondo, ha mai pensato una cosa del genere? Certo non si è a conoscenza di un suo ufficio a piano terra!

Ray Eames

L’unica cosa che si può pensare guardando lo studio di Ray Eames (famosa designer & artist ) è: poverino chi deve ripulirlo!

Rudyard Kipling

Forse Kipling ha scritto tante storie avventurose per sfuggire al disturbo ossessivo compulsivo che lo costringeva a vivere in un imbarazzante ordine in cui i libri potevano stare vicini solo se erano della stessa misura ed avevano tutti un’ identica copertina!

Scritto da

Roberta Razzano 

Contributor

Crescere su una piccola isola insegna ad essere curiosi, ci si domanda ogni giorno cosa ci sia dall'altra parte del mare. Le prime risposte le ho avute dai libri, documentari,… continua

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY