Tips

4 modi per usare Facebook e Google Ads in sinergia

Due strumenti complementari di advertising online che possono diventare ancora più potenti quando sono usati in contemporanea

Michela Fenili
Michela Fenili

Founder & Head of Strategy @Ago&Media

Metodologie, tecniche e strumenti per Digital Strategist. Scopri il Master Online in Digital Marketing + Digital Factory di Ninja Academy: a 60 ore di didattica online puoi abbinare un percorso pratico a Milano e Roma, in partnership con Coca Cola.

Due strumenti utili per convertire gli utenti sono Facebook Ads e Google Ads. Spesso vengono visti come due antagonisti, ma non è così.

Sono modi diversi di attrarre le persone attraverso due metodologie differenti, ma complementari. Possono infatti lavorare benissimo insieme per creare sinergie e far fruttare i tuoi investimenti pubblicitari.

Google Ads usa query di ricerca e fa leva sulle esigenze degli utenti che hanno un bisogno e quindi si rivolgono all’amico Google per cercare di risolverlo.

Facebook invece punta sugli interessi degli utenti, che non sono all’interno di un motore di ricerca, ma di un’applicazione volta all’intrattenimento. All’interno di Facebook non ci spunteranno inserzioni sulla base di quello che stiamo cercando, ma vedremo pubblicità di prodotti che ci potrebbero piacere. Scatta così la curiosità e il nostro desiderio di avere quello che continuiamo a vedere.

Il segreto è sfruttare al meglio le potenzialità dei due strumenti per farli lavorare in modo sinergico, così che uno possa portare benefici all’altro e viceversa.

Vediamo insieme quattro modi per farlo.

LEGGI ANCHE: Una guida aggiornata per ottimizzare le performance dei tuoi Facebook Ads

Sprigiona il potete delle Facebook Ads unite alle Google Ads

1. Suscita la curiosità sul prodotto con Facebook e converti con Google

Grazie a Facebook Ads puoi profilare in modo chirurgico il tuo potenziale cliente e stimolare i suoi desideri, mostrandogli delle inserzioni a pagamento.

Sarai sorpreso di vedere la percentuale di persone che dopo aver visto il tuo brand, si sposta a cercare informazioni e approfondire sul motore di ricerca Google.

Sprigiona il potete delle Facebook Ads unite alle Google Ads

Secondo una ricerca WordStream, l’advertising su Facebook porta ad un incremento del 34% delle ricerca su Google di un prodotto o brand.

La spiegazione è abbastanza semplice. Spesso le persone invece che cliccare direttamente sull’inserzione che vedono, escono da Facebook e vanno a cercare in Google di cosa si tratta, per capire se può davvero fare al caso loro.

Quello che devi fare è inserire sempre il nome del tuo brand e prodotto nelle parole chiave su Google Ads e creare messaggi coordinati tra le due piattaforme, in modo che l’audience che arriva da Facebook, quando cerca maggiori informazioni, trovi veramente quello che si aspetta, anche su Google. Se sarai stato bravo a creare il perfect match, molto probabilmente avrai ottenuto un nuovo cliente!

LEGGI ANCHE: Come funziona il nuovo formato di Facebook Ads per provare i prodotti prima di acquistarli

2. Usa la forza del copy: inserisci parole chiave nei titoli delle Facebook Ads

Quando una campagna Facebook è creata in modo chiaro, le persone non solo vanno a cercare su Google il nome del tuo brand o prodotto, ma cercano anche il titolo dell’inserzione, copiandolo.

Ecco perché è importante avere dei copy che attraggano e vengano ricordati in modo semplice.

Genera curiosità e vai dritto al punto coinvolgendo il tuo pubblico. Facile a dirsi, ma non a farsi, lo sappiamo!

LEGGI ANCHE: Facebook Ads: 5 consigli (+1) per scrivere un copy che funzioni

3. Usa il remarketing: colpisci con Facebook chi è arrivato sul tuo sito grazie a Google

Ci sono molti modi di fare remarketing. Grazie al Pixel di Facebook infatti puoi creare pubblici personalizzati e andare a prendere quella cerchia di persone che ha già visitato il tuo sito web, arrivandoci grazie a Google.

Sprigiona il potete delle Facebook Ads unite alle Google Ads

Puoi lavorare in modo più preciso. Se hai creato delle landing page ad hoc per le tue campagne AdWords, grazie al Pixel di Facebook puoi creare le cosiddette custom audience targettizzate proprio sul pubblico che è atterrato su quella specifica pagina e non genericamente sulla home page del tuo sito web.

L’inserzione di Facebook quindi arriverà a persone altamente interessate e il gioco è fatto: la conversione è sempre più vicina!

Sprigiona il potete delle Facebook Ads unite alle Google Ads

LEGGI ANCHE: Cinque custom audience di Facebook che devi creare se utilizzi Facebook Ads

4. Cerca persone simili ai tuoi clienti

Ultimo, ma non meno importante, il potete dei pubblici lookalikes in Facebook. Grazie ad uno dei tanti strumenti che Facebook ci mette a disposizione nel suo sistema di advertising, è possibile creare pubblici simili e possiamo farlo rispetto a chi ha già visitato il nostro sito web.

Sprigiona il potete delle Facebook Ads unite alle Google Ads

Avremo un pubblico di persone che ha comportamenti e interessi simili a chi ha cercato il nostro prodotto tramite Google ed è atterrato sul nostro sito web, quindi potenzialmente interessato al nostro business. Un pubblico molto vicino alle persone che stanno cercando quello che tu stai offrendo!

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Michela Fenili

Founder & Head of Strategy @Ago&Media

Passione per i mezzi di comunicazione e curiosità verso il Mondo. Outdoorlover e ciclista per caso. Dopo una Laurea in Comunicazione ed Editoria Multimediale e una gratificante ... continua

Condividi questo articolo


Segui Michela Fenili .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it