Privacy

Google chiuderà Google+ per un bug sulla sicurezza scoperto dopo 3 anni

Dopo la Facebook Breach ecco un'altra grande (probabile) intrusione nella nostra privacy

Mentre Facebook annaspava sotto controllo globale per lo scandalo Cambridge Analytica, anche Google ha scoperto uno scheletro nel suo armadio: un bug nelle API di di Google+ potrebbe aver consentito agli sviluppatori di app di terze parti di accedere e raccogliere i dati non solo degli utenti che avessero esplicitamente accettato il trattamento, ma anche quelli degli account collegati.

google

Perché Google non ha detto nulla

Secondo il Wall Street Journal, Google avrebbe scelto di non rivelare la falla e la potenziale perdita dei dati per evitare la gogna pubblica che ha portato perfino Mark Zuckerberg a conferire davanti al Congresso degli Stati Uniti. In un memorandum ottenuto dal Journal, si legge che la divulgazione "porterebbe noi al centro dell'attenzione accanto a Facebook, o addirittura al suo posto, coinvolgendo il CEO della compagnia, Sundar Pichai".

L'azienda, che aveva inizialmente deciso di non divulgare la notizia, ha cambiato idea poco dopo la pubblicazione dell'accaduto dal Wall Street Journal.

Google ha infatti annunciato che interromperà l'accesso a Google+ e migliorerà la protezione della privacy per le applicazioni di terze parti. In un blog post, l'azienda ha rivelato la fuga di dati e ha aggiunto che gli account potenzialmente interessati sarebbero 500.000.

Chi era interessato ai dati

Fino a 438 diverse applicazioni di terze parti potrebbero aver avuto accesso a informazioni private a causa del bug, ma Google apparentemente non ha modo di sapere se l'hanno fatto perché conserva i registri dell'utilizzo dell'API solo per due settimane.

"Non abbiamo trovato alcuna prova del fatto che qualche sviluppatore fosse a conoscenza di questo bug o abusasse dell'API e non abbiamo trovato alcuna prova che i dati del profilo siano stati utilizzati in modo improprio", ha scritto Ben Smith, vicepresidente del dipartimento Engineering.

Smith ha difeso la decisione di non rivelare la perdita, scrivendo: "Ogni volta che c'è la possibilità che i dati siano stati colpiti, andiamo oltre i nostri obblighi legali e applichiamo diversi criteri incentrati sui nostri utenti nel determinare se fornire un preavviso."

 

Per approfondire:

Altro su Google

Su Google Immagini ora c’è il tag con le informazioni sul proprietario e la licenza d’uso

✈ Google lancia nuovi strumenti per la pianificazione dei viaggi

Google festeggia 20 anni con un tour virtuale nel famoso ufficio-garage del 1998

Altro su Facebook

Facebook ha lanciato un display per le videochat da salotto

Gli account violati di Facebook sono in vendita sul dark web

Le ricerche ci dicono quali sono le immagini giuste da postare su Facebook e su Instagram

Altro su Cambridge Analytica

Cambridge Analytica, Zuckerberg rompe il silenzio: sono responsabile di quanto è successo

Il Garante della Privacy: Cambridge Analytica è la punta di un iceberg, ma le democrazie vinceranno

⬇ Terremoto Cambridge Analytica, Facebook perde miliardi in borsa. E Zuckerberg tace

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Fino a 438 diverse applicazioni di terze parti potrebbero aver avuto accesso a informazioni private a causa del bug.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY