Insider

Zuckerberg, crescono utili e utenti. #DeleteFacebook ha fallito

Nel trimestre dello scandalo Cambridge Analytica il social network riporta utili per 4,99 miliardi di dollari: crescono anche gli utenti su base mensile (+13% sul 2017)

Facebook archivia il primo trimestre 2018 con ricavi a 11,97 miliardi di dollari (+49% rispetto all’anno passato) al di sopra delle attese degli analisti (la stima era di 11,41 miliardi). Un risultato trainato anche dalla crescita dei contenuti video. L’utile netto è salito a 4,99 miliardi (da 3,06 miliardi). Aumenta anche la popolazione di Facebook: ora è di 2,2 miliardi (+13% sul 2017). Tre mesi complicati per la società di Mark Zuckerberg, alle prese con lo scandalo Cambridge Analytica (venduti i dati di 87 milioni di utenti per finalità elettorali). Se qualcuno aveva bisogno di risposte, questa potrebbe essere un’indicazione importante sullo stato di salute del social network blu.

Nonostante alcune sfide importanti il 2018 è partito bene. Nei prossimi tre anni continueremo a lavorare per rendere Facebook un servizio che le persone amano ma anche un servizio che fa bene alla gente e alla società. Stiamo ampliando l’ambito della nostra responsabilità e stiamo investendo per assicurarci che i nostri servizi siano usati per fini positivi. Ma dobbiamo anche continuare a costruire nuovi strumenti per aiutare le persone a connettersi, rafforzare le nostre comunità e avvicinare il mondo (Mark Zuckerberg)

facebook

credits http://yournewswire.com/

LEGGI ANCHE: Anche per l’uomo che è diventato ricco con WhatsApp è il momento di #deleteFacebook

#DeleteFacebook?

Il primo test? In realtà no. Wall Street aveva reagito alla prima testimonianza di Zuckerberg, regalando alla sua società il suo balzo giornaliero maggiore dall’aprile 2016 (+4,5%). E ieri il titolo ha chiuso la seduta al Nasdaq guadagnando il 4,37%. Troppo presto per tirare una linea sullo scandalo? Soprattutto come reagiranno gli investitori all’entrata in vigore del General Data Protection Regulation (GDPR)? Sul tavolo delle buone intenzioni restano le ambizioni di #DeleteFacebook, la campagna per cancellarsi dal social si è sgonfiata, nonostante i pezzi da 90 che l’hanno cavalcata, come Elon Musk e il co-founder di WhatsApp Brian Acton.

LEGGI ANCHE: Cambridge Analytica: Zuckerberg – Congresso 1 a 0. E Wall Street ci mette la firma