Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo e le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora registrati e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.
Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo, le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora lascia semplicemente nome e mail e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.

In Marcia

5 automotive trend per il 2022: le nuove strade della sostenibilità

Le persone hanno iniziato a rimandare gli acquisti di auto di lusso, ibride e veicoli elettrici.

Daniele D'Amico 

Digital Communication Specialist

Vuoi saperne di più su questo tema per diventare un Esperto e fare Carriera nel Digital Marketing? +100.000 professionisti e oltre 500 grandi aziende si sono formati e hanno incrementato i loro Affari grazie a Ninja. Entra subito nella Ninja Tribe per avere Informazione, Formazione e l’accesso alla più grande Community di professionisti del digitale.

Gli automotive trend per il 2022 riguardano principalmente i veicoli elettronici, autonomi,  connessi, e di proprietà condivisa. Tutto in ottica sostenibile.

Siamo già pronti per la transizione?

La pandemia ha cambiato la quantità di persone che viaggiano, e questo ci lascia con una secondo grande quesito: in che modo il danno economico causato dal COVID ha avuto e avrà un impatto sull'industria automobilistica?

Per comprendere ulteriormente la posizione dei consumatori e come appare la ripresa economica del settore, kadence International ha esaminato cinque tendenze significative.

  1. Precauzione post-COVID: un'industria martoriata attraversa un'enorme incertezza
  2. Plugged In: la rivoluzione dei veicoli elettronici è in corso, ma è ancora alimentata da sussidi
  3. In Control: l'intelligenza artificiale migliora, non sostituisce, le capacità di guida umane.
  4. Veicoli connessi
  5. Autisti più anziani, conducenti più giovani

Un'industria maltrattata che attraversa un'enorme incertezza

Gli attuali dossi nel nel settore automobilistico non costituiscono una barriera all'evoluzione, bensì un stop and go

Foto Kadence.com

Secondo gli analisti di Jato Dynamics, le vendite globali di auto nuove sono diminuite di oltre il 12% nel 2020, circa il doppio del calo registrato nei dati IEA per l'anno peggiore dell'ultima crisi finanziaria (2007-2008).

Mentre questo calo è stato solo del 2% in Cina, l'industria automobilistica ha subito un duro colpo a livello globale. Francia, Germania, Regno Unito e Brasile hanno registrato cali di oltre il 20%.

Il comportamento dei consumatori è cambiato drasticamente e, mentre le vendite di nuove auto sono diminuite a causa della pandemia, il mercato dei ricambi automobilistici è fiorito mentre le persone cercavano di preservare i loro veicoli esistenti. I consumatori hanno iniziato a rimandare gli acquisti di auto di lusso, ibride e veicoli elettrici.

La prima diffusione del COVID-19 ha portato con sé una nuova tendenza innovativa: gli show room virtuali, in cui i consumatori hanno potuto trasferire tutta o almeno una parte della loro esperienza di acquisto di auto online. In molte parti del mondo, le restrizioni COVID diventeranno parte della vita a tempo indeterminato e, pertanto, questa tendenza è destinata a rimanere.

LEGGI ANCHE: Le nuove preferenze di acquisto degli italiani sull’automotive

La rivoluzione dei veicoli elettronici è in corso, ma è ancora alimentata da sussidi

Come per gran parte della rivoluzione dei veicoli elettronici (EV), potrebbero essere necessari sussidi e regolamenti per l'adozione di massa dei veicoli elettrici.

In Norvegia, sussidi e agevolazioni fiscali rendono il costo di un veicolo elettrico praticamente identico a quello di un'auto non elettrica. Il 74% delle nuove auto vendute in Norvegia sono veicoli elettrici, mentre negli Stati Uniti è solo il 2%. Negli Stati Uniti e in Cina, le vendite di veicoli elettrici si sono stabilizzate quando i sussidi sono stati ridotti o eliminati gradualmente.

Nel 2021, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto un passo avanti verso la riduzione delle emissioni di gas serra firmando un ordine esecutivo volto a rendere elettrica la metà di tutti i nuovi veicoli venduti nel 2030, una mossa fatta con il sostegno delle più grandi case automobilistiche statunitensi.

Amazon ha iniziato a testare i furgoni elettrici per le consegne nel 2021.

I veicoli sono stati sviluppati in collaborazione con la start-up Rivian, che ha raccolto 8 miliardi di dollari da investitori (incluso Amazon), attraverso il suo Climate Pledge Fund da 2 miliardi di dollari. Il fondo include un accordo per l'acquisto di 100.000 veicoli elettrici dalla startup come parte della sua ambiziosa spinta per far funzionare la flotta di Amazon interamente con energia rinnovabile. Ogni furgone ha un'autonomia di 150 miglia per carica.

Prima che i consumatori si uniscano alla rivoluzione dei veicoli elettrici, vogliono sapere che esiste un piano per l'infrastruttura per le stazioni di ricarica.

Uno studio di Deloitte ha mostrato che i consumatori stavano rimandando i piani per l'acquisto di veicoli elettrici a causa del prezzo e dell'autonomia.

automotive trend per il 2022 - Uno studio di Deloitte ha mostrato che i consumatori stavano rimandando i piani per l'acquisto di veicoli elettrici a causa del prezzo e dell'autonomia. Ma la sfida climatica... è da vincere

Foto Deloitte

Con l'autonomia per i veicoli elettrici, ora, spesso ben oltre i 400 km, a livello di strada è tutto ok, ma deve esserci un'infrastruttura per veicoli elettrici visibile in termini di stazioni di ricarica. Pertanto, al momento, gli innovatori devono affrontare i due fattori più critici:

  • Prezzo
  • Infrastruttura

Le stazioni di ricarica wireless sono una soluzione essenziale. Sebbene la tecnologia esista, le aziende non vogliono costruire l'infrastruttura senza abbastanza auto e i produttori non vogliono creare opzioni wireless più costose senza tale rete.

A oggi, quindi, l’auto elettrica deve superare due ostacoli:

  • il costo, che al momento la vede svantaggiata rispetto alle proposte termiche e ibride;
  • la rete di ricarica

I governi devono investire nelle reti  di ricarica, in particolare su quelle veloci, per spostare l’interesse dei consumatori verso la mobilità elettrica.

Una volontà non sempre lineare, e proprio i dubbi sulla capacità dei singoli paesi di essere pro attivi su questo tema ha frenato molti costruttori auto a firmare alla Cop 26 di Galsgow, il documento congiunto che limita al 2040 la vendita di veicoli a combustione interna a livello globale.

Qual è la situazione in Europa? Sintetizzando la risposta, potremmo dire che l’auto elettrica è pronta per l’Europa... Ma sono i Paesi europei che non sembrano pronti per le auto elettriche.

L'intelligenza artificiale migliora... Ma sostituisce, le capacità di guida umane?

Foto Kadence.com

Anche se Tesla ha fatto passi da gigante con le sue auto a guida autonoma, l'adozione è ancora lenta a causa di problemi di fiducia dei consumatori.

Inoltre, le auto senza conducente pongono problemi di intelligenza artificiale, di leggi ed etica e di percezione pubblica.

In questo scenario, i veicoli autonomi con sistemi di assistenza alla guida stanno diventando la norma in molti mercati.

La Cadillac Escalade Platinum di fascia alta, lanciata nell'estate 2021, è il primo veicolo a vantare la tecnologia Super Cruise di GM. Il veicolo gestisce il percorso guidando sulle principali strade mappate. Tuttavia, l'auto monitora il conducente avvisandolo se smette di prestare attenzione alla strada per più di cinque secondi.

L'intelligenza artificiale è destinata a diventare più diffusa nei veicoli,  ma non bisogna avere fretta.

LEGGI ANCHE: Gli Stati Uniti autorizzano i droni a guida autonoma senza controllo umano

Connessione, non futuro ma presente

Connessione, non futuro ma presente - automotive trend per il 2022

Foto Kadence.com

Finora, l'innovazione automobilistica e infrastrutturale è avvenuta principalmente a livello delle singole auto. Tuttavia, gli ingorghi e le ore di punta si verificano a livello di rete quando tutte le singole auto interagiscono.

Vediamo un cambiamento in questa direzione poiché le aziende e i pianificatori dei trasporti riconoscono l'idea dell' "ecosistema della mobilità", in cui le piattaforme software possono connettere, gestire e mitigare le inefficienze a livello di rete tra i servizi di trasporto e i loro utenti.

Le app di navigazione che mostrano i dati sul traffico in tempo reale sono già ampiamente utilizzate e osserviamo anche una maggiore adozione di limiti di velocità intelligenti e sistemi di semafori smart.

La prossima generazione di veicoli connessi andrà più in profondità ampliandosi con strumenti che consentono a biciclette o scooter per la mobilità di connettersi agli stessi sistemi utilizzati dalle auto. Le auto connessi rendono anche più efficiente la gestione della flotta, di autobus o veicoli commerciali.

Quali sono le implicazioni per i singoli conducenti? Perché l'ecosistema della mobilità funzioni, ogni auto richiede un'identità digitale. Tuttavia, questo presenta il problema della privacy.

L'identità digitale dell'auto può anche essere collegata all'identità distinta di guidatore, il che rende l'auto più sicura con l'accesso senza chiavi utilizzando il riconoscimento facciale o vocale e i sensori biometrici.

I sono puntati su Foxconn, il gigante manifatturiero cinese che produce l'iPhone. Foxconn sta sviluppando una piattaforma EV che qualsiasi marchio può utilizzare per portare i veicoli sul mercato, allo stesso modo della piattaforma per telefoni Android. Foxconn scommette che il vero elemento di differenziazione nel futuro mercato dei veicoli elettrici non sarà l'aspetto o le prestazioni; sarà la gamma di funzionalità connesse e capacità di intelligenza artificiale che possiedono.

Un ecosistema di mobilità connessa è una delle tendenze emergenti nel settore dei trasporti e automobilistico.

Automotive trend 2022: il cambio generazionale

Le tendenze automobilistiche influenzate dall'invecchiamento della popolazione e le mutevoli aspettative della Generazione Z stanno creando cambiamenti significativi. Per le persone anziane, l'intelligenza artificiale può aiutare a prolungare la loro vita alla guida. Per i giovani, la grande domanda è se la proprietà diminuirà a favore della condivisione e della mobilità degli abbonamenti.

I consumatori del tardo millennio e della Generazione Z sono una generazione post-proprietà: preferiscono l'affitto all'acquisto di case o veicoli. Le case automobilistiche hanno cercato di introdurre l'idea di soluzioni Mobility-as-a-Service, che sostituiscono la proprietà dell'auto con offerte di car sharing o in abbonamento a un costo inferiore.

Tuttavia, mentre la formula Mobility-as-a-Service ha registrato alcuni successi nei settori delle biciclette e degli eScooter, specialmente nelle città trafficate, è stato più difficile l'affermazione per le auto.

I modelli più attesi del 2022

Automotive 2022 modelli attesi - automotive trend per il 2022

Suv e sportive. Auto termiche, ibride, elettriche, ma soprattutto tanti Sport Utility tra i modelli che arriveranno sul mercato il prossimo anno: design e tecnologia che atterrano in tutte le fasce di mercato.

Non è certo una novità, ma i modelli più importanti e attesi nel 2022 rimarcano una tendenza ormai consolidata. Complice la crisi legata alla pandemia, unita all’esigenza di centrare il target sulle emissioni, i costruttori sono andati sul sicuro presentando novità dove è più forte la domanda: Suv medi e compatti, nella stragrande maggioranza dei casi, siano essi termici (pochi), ibridi o 100% elettrici.

Basti pensare che nel 2022 arriverà, verosimilmente, un Suv firmato Ferrari, il brand che fino a poco tempo fa considerava quasi come fumo negli occhi le vetture ad assetto rialzato. Gli amanti delle berline o delle station-wagon devono accontentarsi di una proposta sempre più di nicchia, anche se non mancheranno le eccezioni.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Le tendenze automobilistiche influenzate dall'invecchiamento della popolazione e le mutevoli aspettative della Generazione Z stanno creando cambiamenti significativi.

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - Codice ISSN 2704-6656
Editore: Ninja Marketing Srl, Centro Direzionale Milanofiori, Strada 4, Palazzo A - scala 2, 20057 Assago (MI), Italy - P.IVA 04330590656.
© Ninja Marketing è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY