Week in Social

Week in Social: dal nuovo social Zepeto alla combo di Facebook, Instagram e WhatsApp

Tutte le notizie e gli aggiornamenti dal mondo dei social che non puoi perderti questa settimana

Ti piacerebbe entrare in connessione con uno dei più prestigiosi esperti italiani di Social Media e ricevere aggiornamenti continuativi e notizie imperdibili? Scopri il Social Media LIVE Program con Luca La Mesa, docente Ninja Academy.

È sabato, non poteva dunque mancare il consueto aggiornamento con la rubrica più ninja di sempre. Anche febbraio lo inauguriamo con le notizie e gli aggiornamenti direttamente dal mondo dei social.

Conoscete già Zepeto?

Come afferma Luca La Mesa, docente del Social Media LIVE Program di Ninja Academy:

"È importante tenere d’occhio i nuovi social ma solo il tempo dirà quali sono i picchi temporanei e quali i trend costanti e crescenti. Facebook ha speso negli ultimi anni una cifra simile al PIL dell’Uganda in acquisizioni e il fatto che questa volta non ci sia riuscito rende il tutto ancora più interessante".

Premettiamo subito che, questa volta, Mark non ce l'ha fatta. Ebbene sì, il nuovo social dei giovani che sembra farsi spazio tra Instagram e Snapchat non è riuscito a far parte del patrimonio immenso di Zuckerberg.

Il suo tentativo di accaparrarsi il nuovo social, fa scaturire un'analisi: e se sarà il social del futuro?

Fondamentalmente Zepeto è un social su cui possiamo essere chiunque, al di fuori del protagonismo di Facebook e Instagram: ognuno diventa, semplicemente, un avatar.

Ci sono dei rirschi? Sì, a cominciare da quello della privacy: il social "vende" ad utenti terzi tutte le informazioni che si acquisiscono mediante quell'avatar che rispetta, almeno nella maggior parte dei casi, gusti e tendenze di ognuno.

Ricordate Second Life o The Sims? Bene, immaginate dunque di portarlo sui social.

LEGGI ANCHE: Week in Social: dall’app Lol di Facebook allo stop di YouTube ai video pericolosi

Chiude Facebook Moments

Ancora non ci è molto chiaro se la notizia interessi molti o pochi: il 25 febbraio, la funzionalità di Facebook dedicata ai ricordi chiuderà. Dal lancio del 2015, all'arrivo in Italia nel 2016, pochi sono stati i passi fatti da parte di Facebook Moments.

Nel corso della sua breve performance, si può dire che sia stato installato da 87 milioni di utenti di cui quasi 11 milioni a giugno 2016 fino ad un crollo totale degli ultimi mesi.

Ad ogni modo, c'è ancora tempo per poter scaricare tutto il materiale presente nell'app!

Più follower hai, più mangi

Crescono a dismisura i locali che offrono cibo gratis in cambio di visibilità sui social, in particolare su Instagram. Nella propria città, ognuno avrà sicuramente notato che un ristorante/locale/bar di turno ha provveduto a tentare la strategia di marketing "posta e mangia gratis", quando in realtà non si offriva altro che un piccolo boccone.

Di fatto, non tutti si comportano così, ma questa sembra essere una moda sempre più diffusa, tant'è vero che è nata una vera e propria catena "This is not a sushi bar", dove si può mangiare gratis in base ai follower: gli effetti di Instagram sulla gente.

Ecco cosa ne pensa Luca La Mesa:

"I dati di aumento di fatturato sono sicuramente interessanti e all’interno del Social Media LIVE Program abbiamo fatto diversi approfondimenti sul tema, mostrando anche come i ristoranti potrebbero usare i social in maniera efficace e molto produttiva".

L'integrazione di WhatsApp, Instagram e Messenger

A quanto pare, entro il 2020, potremo mandare messaggi indipendentemente dalla piattaforma. È questo il sogno di Mark Zuckerberg per contrastare il calo di popolarità della sua creatura, ma che richiede uno sforzo immane e che, secondo voci di corridoio, non ha conquistato la simpatia degli addetti ai lavori.
In soldoni, ora chi usa Facebook non può inviare messaggi su WhatsApp o su Instagram, sebbene le piattaforme facciano capo a un'unica azienda.
Matthew Green, professore di crittografia alla Johns Hopkins University, su Twitter ha espresso la propria preoccupazione riguardo la sicurezza della privacy su WhatsApp con l’integrazione delle altre due piattaforme. Per uniformarsi dovrà essere "meno sicura", ma tutto ciò conviene?

Luca La Mesa:

"È veramente difficile valutare dall’esterno le implicazioni reali di questa complicata iniziativa.

Sicuramente il futuro dei social dovrà essere legato a forte trasparenza su come i nostri dati vengono usati in modo di poter rendere gli utenti più consapevoli e liberi di scegliere".
WhatsApp

Se il vostro Instagram è in inglese

Se avete notato uno strano cambio di lingua sulla vostra app, state tranquilli, non siete i soli. Molti utenti infatti hanno notato che la propria app di Instagram ora "parla" inglese nonostante le impostazioni siano in italiano.

No problem, è un bug momentaneo che sta colpendo maggiormente i sistemi iOS.

Entro il 2020, potremo mandare messaggi indipendentemente dalla piattaforma

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy