Privacy

Apple a muso duro contro Facebook per la questione della privacy

I nuovi device daranno la possibilità di impedire a Facebook, Google e altre piattaforme, di essere tracciati attraverso i pulsanti "mi piace" e "condividi"

Apple si sta muovendo in maniera attiva per bloccare le possibili pratiche di raccolta dei dati su Facebook, ma anche da parte degli altri servizi.

I nuovi device daranno la possibilità di impedire a Facebook, Google e altre piattaforme, di essere tracciati attraverso i pulsanti "mi piace" e "condividi".

Nonostante un accordo globale tra i produttori di device mobili e il social network, l'annuncio di Apple è molto significativo, dopo che l'azienda ha criticato per anni le acrobazie di Facebook riguardo alla privacy degli iscritti.

cook

LEGGI ANCHE: Anche Twitter ha venduto i dati ad Aleksandr Kogan dello scandalo Cambridge Analytica

 

"Tutti conosciamo questi pulsanti di condivisione", ha dichiarato il responsabile del software Apple Craig Federighi in occasione della conferenza annuale degli sviluppatori della società. "Bene, si scopre che questi possono essere utilizzati per rintracciarti, che ci clicchi su o meno. Quindi adesso prenderemo provvedimenti".

Safari chiederà il consenso per navigare su Facebook

Gli utenti di Safari, giunti su Facebook, verranno avvisati da una finestra pop-up che chiede: "Vuoi consentire a 'Facebook.com' di utilizzare i cookie e i dati dei siti web per tracciare la tua attività?"

Il responsabile della sicurezza di Facebook, Alex Stamos, ha immediatamente messo in discussione le dichiarazioni, domandandosi su Twitter se si tratti di un serio sforzo per proteggere la privacy o "semplicemente un bel segnale di virtù".

LEGGI ANCHE: Il Garante della Privacy: Cambridge Analytica è la punta di un iceberg, ma le democrazie vinceranno

Già nel 2010, l'allora CEO Steve Jobs ha dichiarato che Apple "ha sempre avuto una visione della privacy molto diversa rispetto ad alcuni dei nostri colleghi nella Valley".

"Privacy significa che le persone sanno a cosa si stanno iscrivendo", ha affermato Jobs. "Credo che le persone siano intelligenti e che alcune persone vogliano condividere più dati di quanto facciano gli altri. Chiediglielo, chiedi loro ogni volta ... Fai sapere loro esattamente cosa farai con i loro dati".

L'attuale CEO di Apple, Tim Cook, è tornato su questo tema negli ultimi mesi perché Facebook è stato messo sotto accusa per la raccolta di una grande quantità di dati utente e la sua incapacità di proteggere tali dati da abusi da parte di terzi, in particolare Cambridge Analytica.

Il responsabile della sicurezza di Facebook, Alex Stamos, ha immediatamente messo in discussione le dichiarazioni, domandandosi su Twitter se si tratti di un serio sforzo per proteggere la privacy o "semplicemente un bel segnale di virtù".

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY