Cambridge Analytica

Facebook blocca l’accesso alla piattaforma a centinaia di migliaia di app

Chi non ha presentato una revisione aggiornata secondo le nuove regole potrebbe essere tagliato fuori

Facebook ha annunciato che sta bloccando l’accesso alla sua interfaccia di programmazione delle applicazioni per centinaia di migliaia di app, più o meno attive.

La piattaforma di sviluppo che consente ai produttori di app di accedere ai dati degli iscritti non sarà più disponibile per tutti quei soggetti che non si sono adeguati alla revisione annunciata a maggio durante la conferenza degli sviluppatori. I termini sono scaduti il 31 luglio; la revisione implicava la firma di nuovi contratti sulla raccolta dei dati degli iscritti e una nuova verifica dell’app.

Bloccare gli accessi per rendere Facebook più sicuro

L’obiettivo è infatti quello di garantire che il software di terze parti su Facebook garantisca l’aderenza alle linee guida della piattaforma, sia in linea con le regole sulla privacy dei dati e rispetti le restrizioni messe in atto dopo lo scandalo di Cambridge Analytica. Il fattaccio riguardava proprio una operazione non consentita di uno sviluppatore di app: ha sottratto dati appartenenti agli iscritti e li ha rivenduti ad altre aziende in aperta violazione dei termini di servizio di Facebook.

Facebook dislike

Dopo aver identificato un gran numero di app inattive o carenti degli aggiornamenti facenti riferimento alle nuove disposizioni, Facebook sta chiudendo l’accesso alla piattaforma.

“Incoraggiamo i produttori di app che ancora non hanno presentato la revisione aggiornata a farlo adesso”, scrive Ime Archibong, vice-presidente delle Product Partnership di Facebook, e aggiunge “Nei casi in cui abbiamo bisogno di maggiori informazioni, gli sviluppatori avranno un tempo più limitato per rispondere. Se non riusciamo a risolvere in questo ulteriore lasso di tempo, rimuoveremo l’accesso dell’app alle API”.

Facebook conferma che gli sviluppatori non perderanno il loro accesso API mentre la loro app è in coda per la revisione, o mentre Facebook è in procinto di rivedere l’app, purché il software sia conforme alle sue politiche aggiornate.

 

Sullo scandalo Cambridge Analytica:

✈  Mark Zuckerberg va a Bruxelles a spiegare cosa è successo con Cambridge Analytica

💰  Anche Twitter ha venduto i dati ad Aleksandr Kogan dello scandalo Cambridge Analytica

💪  Il Garante della Privacy: Cambridge Analytica è la punta di un iceberg, ma le democrazie vinceranno

🥅  Cambridge Analytica: Zuckerberg – Congresso 1 a 0. E Wall Street ci mette la firma

👨  Cambridge Analytica, i giorni di Mark Zuckerberg: cosa dirà al Congresso

🤐  Manipolare gusti e opinioni sui social, dopo lo scandalo Cambridge Analytica

🍎  Il CEO di Apple dice la sua su Cambridge Analytica e lo scandalo che ha travolto Facebook

😥  Cambridge Analytica, Zuckerberg rompe il silenzio: sono responsabile di quanto è successo

💸  Terremoto Cambridge Analytica, Facebook perde miliardi in borsa. E Zuckerberg tace