Innovazioni

La tecnologia che aiuta gli arbitri (e che non vediamo) in campo ai Mondiali di calcio 2018

Scopriamo come saranno utilizzate ai Mondiali di Russia 2018 alcune nuove tecnologie come la VAR e la Goal Line Technology

La tecnologia sta cambiando anche lo sport più amato dagli italiani, il calcio. Le ultime innovazioni tecnologiche introdotte nei Mondiali di Russia in corso probabilmente sono sconosciute a molti.

Parliamo in particolare della Goal-Line Technology e della VAR. Scopriamone insieme il funzionamento e le dinamiche nel gioco.

tecnologia-var-mondiali-russia-2018-alessandro-brancati-1

Goal-Line Technology

La Goal-Line Technology (GLT) è una delle “nuove” tecnologie presenti per la prima volta in un Mondiale come supporto agli ufficiali di gara.

La tecnologia di porta serve in sostanza a verificare la validità dei gol, per ridurre gli episodi di gol fantasma: sono stati progettati nove sistemi differenti, due dei quali mantenuti e sperimentati ulteriormente. Nel 2012 l’IFAB (International Football Association Board) ha approvato tra queste tecnologie il GoalRef e l’Hawk-Eye (quest’ultimo già presente nel tennis e nel cricket) e la tecnologia è stata in seguito accettata anche dalla FIFA. 

Il debutto non ufficiale è stato durante il Trofeo TIM estivo, ospitato al Mapei Stadium (Reggio nell’Emilia) e la tecnologia è stata utilizzata a livello internazionale anche durante gli europei di calcio 2016 in Francia. Ma la tecnologia ufficiale approvata dalla FIFA, la Goalcontrol 4D, è stata presente anche ai Mondiali 2014.

tecnologia-var-mondiali-russia-2018-alessandro-brancati-3

Come funziona

La tecnologia si basa sull’uso di 14 telecamere ad alta velocità posizionate attorno al campo, con sette telecamere focalizzate su ciascuna porta.

Nella tecnologia adottata durante i Mondiali di calcio in corso, la posizione della palla viene catturata in modo continuo in 3D e l’indicazione dell’effettivo goal segnato viene immediatamente confermata entro un secondo da un orologio indossato da ciascuno degli ufficiali di gara.

LEGGI ANCHE: Sport Science, così la tecnologia “allena” gli atleti

VAR

Tecnologia introdotta solo dall’ultimo campionato di calcio in Serie A, ha già trovato i suoi sostenitori tra cui Javier Zanetti (ex capitano dell’Inter) e Nuno Gomes (ce lo ricordiamo in forza all’attacco della Fiorentina): il primo sostiene che questa tecnologia sia adatta agli sviluppi del gioco e che sia utile a consentire una maggiore giustizia in campo per i giocatori e per le squadre e il secondo, sulla stessa linea, sostiene che grazie alla VAR diminuiranno gli errori consentendo uno svolgimento del gioco meno fluido ma più corretto.

Come funziona

  1. Una squadra di ufficiali di gara supporterà l’arbitro per tutto la durata del torneo mondiale.
  2. Il team video si trova in una sala operativa video centralizzata a Mosca e sarà in contatto con gli arbitri sul campo.
  3. Il team di Mosca ha accesso a tutte le telecamere broadcast e a due telecamere esterne dedicate.
  4. Questo team non prenderà in nessun caso alcuna decisione: sarà sempre e solo il giudice di gara in campo a sentenziare.
  5. Gli spettatori da casa saranno quindi informati in real time sul processo di revisione da parte di emittenti e commentatori.

Il team VAR

Il team è composto dall’assistente dell’arbitro al video (VAR) e dai suoi tre assistenti video (AVAR1, AVAR2 e AVAR3). Va inoltre ricordato che tutti i membri del team video sono stati selezionati dal Comitato Arbitrale FIFA il quale ha selezionato 13 arbitri considerati i non plus ultra degli ufficiali di gara della FIFA.

tecnologia-var-mondiali-russia-2018-alessandro-brancati-4

I criteri di selezione per il VAR Team si sono basati principalmente sulla loro esperienza nelle loro rispettive competizioni nazionali, oltre alla loro partecipazione a numerosi seminari e competizioni FIFA.

VAR: guarda la telecamera principale sul monitor e controlla o verifica gli incidenti, è inoltre responsabile della guida della squadra VAR e della comunicazione con l’arbitro sul campo di gioco.

AVAR1: si concentra sulla camera principale e mantiene il VAR informato sul gioco in caso di controllo o revisione di un incidente.

AVAR2: è un assistente dell’arbitro il quale è situato subito fuori dal campo alla postazione addetta al check degli offside, anticipa e controlla qualsiasi potenziale situazione di fuorigioco per accelerare il processo di verifica e revisione del VAR.

LEGGI ANCHE: Come costruire contenuti migliori grazie ai nuovi strumenti tecnologici

AVAR3: assiste il VAR nella valutazione degli incidenti e garantisce una buona comunicazione tra VAR e AVAR2.

The video operations room: il team video supporta l’arbitro da una sala video centralizzata (VOR), situata nell’International Broadcast Centre (IBC) di Mosca. Tutti i feed delle telecamere dei 12 stadi sono forniti al VOR attraverso una rete in fibra ottica. L’arbitro sul campo di ogni stadio parla con il team VAR tramite un sofisticato sistema radio a fibre ottiche.

var mondiali di calcio russia 2018

La strumentazione

Si ha accesso a 33 telecamere broadcast, di cui otto super slow motion e quattro telecamere ultra slow motion. Inoltre, gli arbitri hanno accesso a due telecamere esterne: queste due telecamere sono disponibili solo per il team a Mosca. I replay al rallentatore saranno principalmente utilizzati per situazioni fattuali, ovvero, per identificare il punto di contatto di una infrazione fisica o la posizione irregolare. La velocità normale viene utilizzata per i giudizi soggettivi, ad esempio, l’intensità di un’offesa o per determinare se una palla è stata deliberatamente colpita con la mano.

LEGGI ANCHE: Una intelligenza artificiale ha previsto chi vincerà i Mondiali di calcio 2018 e questo è il risultato

tecnologia-var-mondiali-russia-2018-alessandro-brancati-2

VAR Information System

Per garantire che tutti gli spettatori, sia allo stadio, sia davanti alla tv, siano ben informati durante un processo di revisione, la FIFA ha sviluppato un sistema di informazione VAR per emittenti e commentatori. Per ogni partita, un membro dello staff della FIFA informa le emittenti televisive, i commentatori e tutti gli attori che orbitano attorno all’infotainment sulle varie fasi del processo di revisione, incluse le informazioni sul motivo della revisione e sul risultato della revisione, tramite un tablet touch in rete.

LEGGI ANCHE: Così la tecnologia sta rendendo lo sport sempre più immersivo (le Olimpiadi, ad esempio)

La persona che ha la responsabilità di far funzionare il tablet si trova nella stanza delle operazioni video in Mosca il quale ha accesso all’audio dal sistema di comunicazione dell’arbitro e agli angoli della telecamera che il VAR sta guardando.

Le situazioni che prevedono l’utilizzo della VAR

Per questa FIFA World Cup™ 2018, gli arbitri hanno ricevuto istruzioni chiare su quando accettare le informazioni dall’assistente video e quando rivedere le riprese video sul lato del campo di gioco prima di prendere la decisione appropriata

Revisione sul campo (per interpretazione):

  • fallo commesso dall’attaccante
  • fuorigioco

Decisione su eventuale rigore:

  • fallo che porta al rigore
  • fallo dell’attaccante

Solo consigli VAR (per fatti reali)

  • posizione di fuorigioco che porta al gol
  • palla che è uscita dal campo e porta al gol

Decisione da rigore

  • fallo commesso dentro o fuori l’area di rigore
  • palla che è uscita dal campo e porta al rigore
  • posizione di fuorigioco che porta al rigore

mondiali di calcio 2018 tecnologia

Sistemi elettronici di tracciamento

La terza grande tecnologia nascosta che la FIFA ha messo in campo in ogni partita della Coppa del Mondo 2018 in Russia consiste in una serie di strumenti e attrezzature di comunicazione per entrambe le squadre.

Lo staff tecnico e medico dele squadre, infatti, hanno postazioni dedicate sulla tribune media e una linea dedicata per comunicare con il coach e il personale medico in panchina. I dati di posizione di due telecamere di localizzazione ottica posizionate sulla tribuna principale che tracciano i giocatori e la palla sono disponibili per gli analisti in tempo reale insieme a riprese dal vivo di telecamere tattiche selezionate.

Le informazioni ricavate dalle informazioni tecniche e il collegamento di comunicazione fornito consentono un’interazione costante in tempo reale che può alimentare le loro decisioni durante la partita.