Mobility

Hyperloop sta costruendo la sua prima pista in Europa (in Francia)

In Francia è in costruzione una pista di prova che sarà completata nel 2019

Da un po’ di tempo non avevamo notizie sui progressi di Hyperloop Transportation Technologies, la società californiana che progetta e costruisce il futuristico sistema di trasporto di merci e persone in tubi a bassa pressione; qualche giorno fa, l’azienda ha rotto il silenzio con l’annuncio che, in Francia, è in costruzione una pista di prova di un chilometro, proprio nei pressi del centro di ricerca e sviluppo.

hyperloop

LEGGI ANCHE: La vera concorrente di Tesla potrebbe essere una Porsche (elettrica)

Come sarà la versione europea di Hyperloop

HyperloopTT spiega che la pista, la cui sede prescelta è stata Tolosa, in Francia,  sarà costruita in due fasi: un sistema chiuso di 320 metri (che sarà operativo già quest’anno) e una galleria elevata a 5,8 metri di altezza, da completare nel 2019. La consegna della capsula per il trasporto passeggeri è invece fissata per questa estate.

hyperloop

Durante l’undicesima edizione del World Congress on Railway Research tenutosi a Milano il 31 maggio 2016, anche l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, aveva dichiarato l’intenzione di collaborare ai progetti di sviluppo Hyperloop, benchè la morfologia del suo territorio meriti un’attenzione del tutto particolare.

LEGGI ANCHE: Formula E, tutti i numeri dell’ePrix di Roma (che lo ospiterà per 5 anni)

LEGGI ANCHE: Internet dallo spazio, via libera a Starlink: il nuovo sogno ‘stellare’ di Elon Musk

Hyperloop si prepara quindi a realizzare la sua prima pista per il trasporto ultraveloce in Europa, la terza in tutto: le altre due sono negli Stati Uniti, fuori dal quartiere generale di SpaceX a Hawthorne, in California, e il Virgin Hyperloop One, nel deserto a nord di Las Vegas.

HyperloopTT ha un modello di business meno tradizionale del solito: l’azienda si vanta di essere un’associazione esclusivamente volontaria in cui lavorano, grazie al crowdsourcing, oltre 800 volontari di talento fra i team di NASA, Boeing, Tesla e SpaceX.