Mobile Marketing

Slack annuncia il supporto per le chiamate in team

Nuova evoluzione per la propria piattaforma dedicata ai tem, presto anche la videochat

Conoscete Slack? Si tratta della piattaforma che permette la comunicazione interna ai gruppi di lavoro e che promette di ridurre tempi, email e difficoltà. Il suo motto è “Tutti i tuoi messaggi in un unico posto, tutto istantaneamente accessibile alla ricerca, dovunque tu sia”. È un servizio, fondato nel 2013 da Stewart Butterfield, Eric Costello, Cal Henderson e Serguei Mourachov che si avvale anche di una comodissima applicazione mobile.

slack-app-620x400

Slack ha annunciato una grande novità in occasione della conferenza dei clienti a San Francisco:  l’introduzione del supporto per le chiamate, con la chiara intenzione di stare al passo dei concorrenti.

La piattaforma ha già 2,3 milioni di utenti attivi al giorno, rispetto ai 2 milioni nel mese di dicembre 2015, e vuole dare loro più opzioni possibili per creare una user experience trasparente e produttiva.

La nuova feature è al momento in versione beta ed è disabilitata di default: per abilitarla è sufficiente recarsi nelle impostazioni del Team. Per alcuni account sarà necessario attendere comunque qualche giorno.

slack-app

Una volta attivata l’opzione avrete la possibilità di chiamare tutti i membri del vostro team, singolarmente o in gruppo. In questa prima fase le chiamate di gruppo supporteranno fino a 15 partecipanti.

È evidente che Slack mira a raggiungere i concorrenti Skype e Google Hangouts e lo fa grazie all’acquisizione del 2015 di Screenhero: in futuro è previsto anche l’aggiornamento al supporto delle videochiamate, ma al momento non si conoscono i tempi per l’update.

April Undewood, VP Product Management, ha annunciato in conferenza anche una novità dedicata agli sviluppatori: per rendere più facile per i developer la creazione di più potenti funzioni per la piattaforma, Slack sta anche organizzando un reparto Learning & Intelligence (SLI). La strategia di Slack è rivolta a diventare una piattaforma per team onnipresente, che possa includere al suo interno tutte le applicazioni aziendali più importanti. Un’unica app per una work experience completa: sarà sufficiente?