Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo e le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora registrati e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.
Accedi con:
Oppure
Logo Ninja

Diventa free member

Vuoi leggere questo articolo, le altre notizie e approfondimenti su Ninja? Allora lascia semplicemente nome e mail e diventa un membro free. Riceverai Breaking News, Marketing Insight, Podcast, Tips&Tricks e tanto altro. Che aspetti? Tieniti aggiornato con Ninja.

Previously on

Ancora TikTok: un breve recap se hai perso le puntate precedenti

Il presidente americano Donald Trump aveva annunciato lo stop al download di TikTok, ma il ban è stato rinviato per permettere ad Oracle e Walmart di finalizzare l’accordo con il partner cinese

Flavia Alvi 

Social Media Manager

Il miglior percorso professionale per diventare Social Media Manager. Scopri il Master Online in Social Media Marketing di Ninja Academy: 6 Corsi completi su Strategy, Advertising, Facebook, Instagram, Linkedin e YouTube con materiali pratici e operativi, case study dei migliori esperti e un mentor dedicato.

  • Il presidente americano Donald Trump aveva annunciato lo stop al download di TikTok.
  • Il ban è stato rinviato per permettere ad Oracle e Walmart di finalizzare l’accordo con il partner cinese.
  • Cosa significa per gli inserzionisti un eventuale ban di TikTok.

TikTok negli Stati Uniti, oggi, continua a funzionare.
Questa è stata la decisione di Donald Trump, presidente in carica che ha deciso di far slittare di una settimana il blocco del download e del funzionamento di TikTok negli USA, precedentemente annunciato.

Il 6 agosto, Trump emetteva un Ordine Esecutivo in cui scriveva che “la diffusione negli Stati Uniti di applicazioni mobili sviluppate e di proprietà di aziende della Repubblica Popolare Cinese continua a minacciare la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia degli Stati Uniti".

Il 7 agosto 2020 sul sito di TikTok veniva rilasciata una dichiarazione in risposta all’ordinanza, che lasciava intuire la possibilità di un accordo: "il testo dell’Ordine evidenzia come la decisione si sia basata su ‘report’ che non vengono nominati né citati, su timori non circostanziati che l’app ‘potrebbe’ essere utilizzata per campagne di disinformazione e su preoccupazioni relative alla raccolta dati, che però effettuiamo secondo gli stessi standard di settore utilizzati da migliaia di altre app in tutto il mondo. Abbiamo già chiarito che TikTok non ha mai condiviso i dati dei suoi utenti con il Governo cinese, né censurato alcun contenuto su richiesta di quest’ultimo. Rendiamo infatti disponibili nel nostro Transparency Center le linee guida di moderazione e il codice sorgente dell’algoritmo, un livello di assunzione di responsabilità in cui non si è impegnata nessuna azienda equivalente. Abbiamo perfino espresso la nostra volontà di valutare la totale cessione della nostra filiale negli Stati Uniti a un’azienda americana."

La scelta di rinviare il ban di TikTok è stata presa per permettere ad Oracle e Walmart di completare l’accordo di acquisizione.

LEGGI ANCHE: TikTok non è ancora fuori pericolo: l’affare Oracle resta in sospeso

TikTok connette la generazione Z ai brand.

TikTok, la sicurezza prima di tutto

La sicurezza dei cittadini americani rappresenta uno dei capisaldi delle promesse elettorali di Donald Trump che ha trovato espressione anche nel blocco delle app cinesi, accusate dal presidente americano di spiare e rubare i dati dei cittadini statunitensi.

TikTok, Oracle e Walmart, cosa prevede l’accordo

TikTok ha scelto Oracle come trusted technology provider. L’azienda di Larry Ellison avrà il 12.5% di TikTok Global, la società creata ad hoc per il controllo di gestione statunitense. Dunque Oracle sarà partner tecnologico mentre Walmart partner commerciale. Insieme, le due aziende statunitensi, deterranno il 20% della società prima che essa sia quotata in borsa. ByteDance conserverà la proprietà e la gestione dell’algoritmo.

Qualche tempo fa, anche Microsoft aveva provato ad acquisire quote di TikTok ma senza ottenere successo.

Si pensa che non sia un caso che l’azienda di Larry Ellison, uno dei pochi sostenitori dell’amministrazione Trump in Silicon Valley, abbia trovato un accordo con la società cinese.

tiktok

Cosa cambia per gli inserzionisti di TikTok?

Secondo Sensor Tower, società di informazioni sul mercato e sulle prestazioni delle app mobili, durante la pandemia l’app TikTok è stata scaricata 65 milioni di volte.

Il successo dell’app è innegabile ed è resa possibile grazie alla qualità del suo algoritmo che sta attirando l’attenzione degli altri player nel settore dei social media. Facebook infatti ha iniziato a corteggiare i talenti di TikTok offrendo ai suoi dipendenti paghe più alte e benefit per passare al colosso di Menlo Park. Google invece sta testando funzionalità simili a TikTok introducendo su YouTube, YouTube Shorts.

È proprio l’algoritmo di TikTok a rendere il social così competitivo. Se nonostante l’accordo con Oracle, TikTok mantiene inalterato il suo algoritmo, il vantaggio per i marketer non è così immediato. Alex Brownsell, media editor di WARC ha espresso alcune perplessità circa il valore aggiunto che la partnership tra Oracle e TikTok possa portare agli inserzionisti. “La tecnologia rivolta agli utenti di TikTok, in particolare il suo motore di raccomandazione di contenuti personalizzati, è la migliore del settore. È quindi difficile capire come Oracle, in qualità di nuovo arrivato nel settore degli annunci, anche se con esperienza nel software martech, possa davvero spostare l'ago della bilancia dal punto di vista di un inserzionista".

Con l’introduzione del partner americano Oracle, la pubblicità su TikTok potrebbe diventare più semplice in quanto l’azienda possiede la piattaforma di gestione dati e sarà proprietaria delle analisi di marketing. Per gli utenti non cambierà nulla dal punto di vista della struttura del social: potranno continuare a girare i loro video così come fanno adesso.

Per comprendere gli effetti che, invece, la scomparsa di TikTok dal panorama americano potrebbe comportare, dobbiamo guardare al caso Indiano. Lì il ban di TikTok ha portato al crollo del mercato dell’influencer marketing e ha posto gli influencer indiani nella condizione di dover considerare l’utilizzo di altri applicativi come Reels. Ma questi non possedendo le stesse caratteristiche di TikTok ha portato l’allontanamento degli adolescenti dalla piattaforma digitale.

Reels vs TikTok

Alcuni grandi marchi come Ralph Lauren, Walmart, Chipotle e altri, hanno messo TikTok al centro della propria strategia digitale prevedendo grossi investimenti. Con le dovute ragioni, visto che al NewFront, TikTok si è presentata come la piattaforma alternativa a Hulu e YouTube.

Dunque i vantaggi dell’uscita dalle scene americane del social media non sono così evidenti come le perdite che potrebbe comportare. Lato marketer bisognerebbe riconsiderare l’utilizzo del social media nella propria strategia di branding, mentre lato creator ciò significherebbe una perdita di opportunità. Tutto si traduce in una considerevole catastrofe economica per la pubblicità in America.

Nelle ultime settimane, alcune star di TikTok si stanno già affacciando ad altri social per la creazione di video musicali. Tra queste, Charli D’Amelio, ha cominciato ad utilizzare Triller, un'altra app concorrente.

Ma intanto il conflitto geopolitico tra Cina e Stati Uniti pare sia stato superato, o almeno questo si evince dalle ultime vicende. 10mila nuovi posti di lavoro, una sede probabilmente in Texas e un controllo totalmente americano pare abbiano rassicurato Trump che ha benedetto il nuovo accordo tra Oracle, Walmart e ByteDance.

Una partnership con TikTok può essere l’occasione giusta per entrare in un mercato non ancora saturo di possibilità in quanto si stima che negli Stati Uniti, il social network abbia superato i 100 milioni di iscritti.

Intanto, mentre una sentenza del tribunale ha sospeso l’ordine esecutivo, il giudice non ha però rinviato l’udienza prevista a novembre. Ciò non solo vieterà alle persone di scaricare l’app, ma ne impedirà completamente l’utilizzo anche a coloro che già l’hanno scaricata.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Mentre una sentenza del tribunale ha sospeso l’ordine esecutivo, il giudice non ha però rinviato l’udienza prevista a novembre.

Scritto da

Flavia Alvi 

Social Media Manager

Social Media Manager con la passione per la scrittura, per i viaggi e per il buon vino. Un po' Copy e un po' Giornalista. Lavoro coi Social, gli Influencer, i microcopy, i … continua

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - Codice ISSN 2704-6656
Editore: Ninja Marketing Srl, Viale Giulio Richard, 1/a 20143 Milano, Italia - P.IVA 04330590656.
© Ninja Marketing è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY