Diritti

L’Italia è all’ottantaduesimo posto per differenze tra uomo e donna secondo il Global Gender Gap

Soprattutto sul fronte del lavoro e delle retribuzioni che le distanze continuano a essere più profonde

Federica Fiorillo 

Social Media Specialist

La parità di genere è fondamentale per stabilire un equilibrio  nella società.

Garantire il giusto riconoscimento dei talenti nel mondo influisce in modo significativo sulla crescita, la competitività e la disponibilità futura dell’economia dei paesi e delle imprese in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: I lavoratori di Google scioperano per come l’azienda gestisce le molestie

Così si apre Il Global Gender Gap Report , l’analisi che confronta 144 paesi nei loro progressi verso la parità di genere attraverso quattro dimensioni tematiche: partecipazione economica e opportunità, risultati scolastici, salute e sopravvivenza e potenziamento politico.

Fearless girl: business woman

In più, l'edizione di quest'anno analizza anche le dinamiche delle differenze di genere tra gruppi di talenti del settore e le occupazioni.

Una classifica dei peggiori e migliori paesi in quanto a parità salariale di genere. E tra i peggiori – ci dispiace davvero dirlo anche questa volta – c’è il nostro Paese.

LEGGI ANCHE: Le donne Business Angel sono poche e possiedono solo il 9% dei capitali aziendali

Nel 2015 l’Italia era posizionata al 41esimo posto sul tema del gender gap: risultato non accettabile ma neppure pessimo.

Il peggioramento in Italia

Nel 2016 eravamo al 50esimo. Non ci aspettavamo che scendesse al di sotto di questa posizione e invece è successo: il nostro Paese ha perso ben 32 posizioni, ritrovandosi, nel report relativo all’anno 2017, all’82esimo posto.

Il gap delle possibilità di successo lavorativo (e retribuzione)  tra uomini e donne continua a crescere peggiora vertiginosamente da un anno all’altro.

Il quadro attuale vede la persistenza di una forte disparità tra lo stipendio delle donne e quello degli uomini, una differenza che, secondo il World Economic Forum (Wef), al ritmo attuale finirà per essere colmata soltanto tra 217 anni.

Sono stati analizzati diversi ambiti che vanno dall'educazione alla salute, dal lavoro all'aspettativa di vita fino all'acquisizione di potere in campo politico.

Ed è soprattutto sul fronte del lavoro e delle retribuzioni che le distanze continuano a essere più profonde. Dal report emerge una percezione molto bassa della parità salariale per un lavoro simile tra i sessi: l'Italia si classifica al 126esimo posto su 144 Paesi.

LEGGI ANCHE: La differenza di compenso tra uomo e donna, spiegata con una birra

Anche internet e istruzione

Il Global Gender Gap Report mostra poi una situazione molto critica sul versante relativo all'istruzione.

In Italia ci sono più bambine che bambini che non vanno a scuola e l’utilizzo di Internet è diffuso maggiormente nel mondo maschile. Su questo tema siamo addirittura passati dal 27esimo posto del 2006 al 60esimo nel 2017.

Dati che non promettono davvero nulla di confortante. Questa situazione è poi conseguenza delle differenze professionali nel campo digitale: ostacoli, pregiudizi, discriminazioni tengono le donne lontane dalle professioni digitali.

Un divario che rimane netto e investe molteplici ambiti, dall’accesso all’istruzione allo svolgimento di funzioni apicali, con conseguenze su tutto il sistema.

Cosa possiamo fare

Le disparità di genere causano la perdita di talento, visione, risorse, ricchezza, e nello sviluppo tecnologico ha un impatto anche sull’innovazione.

Di fronte questa evidenza la prima domanda che ci poniamo è “Cosa dovrebbe cambiare?”.

Dovremmo partire dalla quota di lavoro non pagato, che raggiunge il 61,5% per le donne contro il 22,9% per gli uomini.

Ma per un problema così vasto la soluzione non può certo essere univoca, per uscirne bisogna partire dalla scuola e da nuove politiche sociali.

LEGGI ANCHE: Il rapporto scuola-lavoro in Italia, spiegato con i numeri

La scuola può svolgere un ruolo di primo piano soprattutto nell’abbattimento degli stereotipi di genere e quindi favorendo iniziative per la partecipazione delle ragazze allo studio delle discipline STEM e sensibilizzare verso il tema della unicità di genere.

via GIPHY

Le imprese possono iniziare a valorizzare i talenti femminili al suo interno, guardano il tema della maternità come una risorsa e non più come uno vincolo: sì, perché essere madre è un valore aggiunto se si pensa alle capacità e gli skills che si generano durante la crescita dei figli.

La politica può tutelare maggiormente le donne, favorendo aiuti per le famiglie, dall'accesso agli asili alla paternità per gli uomini.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy