Mobilità

Il piano della Cina per tracciare le auto con i chip RFID

Dal 2019 il Paese renderà obbligatoria per le auto l'installazione di un sensore RFID. Un piano contro smog e traffico, dicono le autorità

La Cina sta mettendo a punto un sistema di identificazione elettronica per tracciare le auto grazie a chip RFID installati sul parabrezza. A rivelarlo il Wall Street Journal, secondo cui il governo starebbe implementando una serie crescente di strumenti di sorveglianza per monitorare i suoi cittadini. Secondo il piano, che sarà operativo dal 1 luglio, verrà installato sulle auto, al momento dell’immatricolazione, un chip di identificazione a radiofrequenza per il tracciamento dei veicoli. Una scelta volontaria quest’anno, ma che sarà resa obbligatoria per i nuovi veicoli dall'inizio del 2019.

LEGGI ANCHE: Questa scuola in Cina sta monitorando gli studenti con il riconoscimento facciale

rfid

Per snellire il traffico

Le autorità hanno descritto il piano come un mezzo per migliorare la sicurezza pubblica e per snellire il traffico. Secondo i documenti mostrati dal Governo, la congestione è una delle preoccupazioni principali di molte città cinesi (le strade intasate contribuiscono all'inquinamento atmosferico). Solo a Pechino circolano 5 milioni di automobili. La Cina è anche uno dei paesi più pericolosi al mondo per chi guida secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (260 mila vittime nel 2013). 

Rete di sorveglianza

Ma il sistema progettato, portato sul più grande mercato automobilistico del mondo farà crescere a dismisura la rete di sorveglianza della Cina. Una rete che include già l'uso diffuso di telecamere di sicurezza, tecnologia di riconoscimento facciale e monitoraggio di Internet. "È davvero difficile immaginare che il caso d'uso principale non sia la sorveglianza delle forze dell'ordine e altre forme di controllo sociale” ha detto al Wall Street Journal Ben Green, del Berkman Klein Center for Internet and Society dell'Università di Harvard, che sta studiando l'uso dei dati e della tecnologia da parte dei governi.

LEGGI ANCHE: Facebook ha condiviso i nostri dati anche con 4 big tech cinesi

Il chip sul parabrezza

A realizzare concretamente il piano sarà il Ministero della Pubblica Sicurezza cinese, sulle linee redatte dal Traffic Management Research Institute. Il sistema registrerà informazioni come il numero di targa e il colore dell’automobile. I dispositivi di lettura installati lungo le strade identificheranno le macchine mentre passano e trasferiranno i dati al Ministero della Pubblica Sicurezza. A differenza dei sistemi di localizzazione GPS e delle telecamere, la tecnologia RFID è sì più costosa, ma offre vantaggi come il funzionamento in condizioni di nebbia e una più rapida elaborazione delle informazioni. Negli Stati Uniti e altrove, questi dispositivi sono già ampiamente utilizzati sulle automobili per i pagamenti automatizzati di pedaggio. Sono anche installati in alcune flotte commerciali, ad esempio, i camion nei porti per tracciare la loro posizione e le merci che stanno trasportando.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY